70th Primetime Emmy Awards – I Vincitori #Emmys

Si è tenuta nella notte a Los Angeles presentata da Michael Che e Colin Jost, la cerimonia di premiazione degli Emmy Awards.

Ecco i vincitori

Continua a leggere

Annunci

#Avengers #InfinityWar – La Recensione

La fine è qui. Dieci anni di film e di avventure trovano il loro culmine in Infinity War, il film più atteso del 2018. Tante aspettative… quante delusioni?

Continua a leggere

67th Primetime Emmy Awards: I vincitori #Emmys

Si è tenuta nella notte al Microsoft Theater di Los Angeles la cerimonia dei 67th Primetime Emmy Awards presentata da Andy Samberg.

67th Primetime Emmy Awards

Ecco i vincitori

Continua a leggere

#XMen – Giorni Di Un Futuro Passato #DOFP

Settimo capitolo per la saga degli X Men, un cammino lungo più di quanto si potesse immaginare quando uscì il primo film 14 anni fa.

X-Men_Days_of_Future_Past_posterLa storia è tratta, con qualche aggiustamento) da uno dei più noti cicli narrativi del fumetto (di recente ripubblicato dalla Panini) e si dipana tra un futuro dove i mutanti sono perseguitati dalla sentinelle, dei robot in grado di identificarli e catturarli, e il passato dove nel film Wolverine, anzi la sua coscienza, deve impedire un omicidio che darebbe il via al progetto sentinelle, 10 anni dopo gli eventi di X Men L’Inizio.

In quegli anni Charles Xavier è un uomo a pezzi che ha perso tutto. La scuola che aveva messo in piedi ha chiuso e lui, con l’aiuto di Hank, ha trovato una cura che gli permette di toranre acamminare, anche se con un effetto collaterale: non è più un telepate. Al tempo stesso, nel passato, Magento non solo ha perso la sua confraternita, sterminata da Bolivar Trask (l’inventore delle sentinelle) che usa i mutanti come cavie, ed è in carcere. Certo un carcere speciale visto che è al centro del Pentagono e non c’è alcun metallo. Il suo reato? Una roba da nulla, l’omicidio Kennedy. Omicidio che Magneto nega di aver compiuto (e qui affiora la teoria della pallottola magica dei complottisti) dicendo che lui non lo voleva uccidere ma salvare visto che lo stesso Kennedy era un mutante!

Perchè la mssioen di Wolverine abbia successo c’è bisogno che Charles e Magneto si alleino per impedire che Mistica uccida Trask e non sarà facile: entrambi hanno dei sentimenti per lei ed entrambi l’hanno persa. Per farlo evadere da lì ci si dovrà ingegnare parecchi, ma Wolverina consoce l’uomo giusto, solo che nel 1973 è ancora un ragazzino: Pietro Maximoff (A.K.A. Quicksilver), in grado di correre ad altissima velocità. Ed il piano riesce anche bene.

Ma ora basta con la trama (ed occhio agli spoiler da qui in avanti).

Magneto

Il film è un bel film, il migliore forse del franchise, di certo superiore al primo monografico su Wolverine ed al terzo capitolo. Superiore anche al secodno Wolverine, che rappresentava comunque un dignitoso collegamento a questi eventi (se poi lo si guarda come film stand alone allora il discorso cambia).

Rivedere tanti volti della prima trilogia (Tempesta, Iceman, Colosso…) è quello che permette ai fans delle prima ora dei film di “accettare” un cambiamento invitabile ed al tempo stesso permette di introdurre alcuni volti nuovi sia tra i mutanti futuri come Warpath, Blink, Alfiere che tra i passati. Ecco qui va fatta una precisazione. Di fatto l’unico mutante del passato è Quicksilver (ci ternerò), ma verso la fine dela film lo vediamo con in braccio una bambina che è chiaramente la sorella che sappiamo essere Scarlet nei fumetti, ma che qui non viene identificata come tale. Quidi diciamo un mutante e mezzo…

xmen-days-of-future-past-vif-argent-magneto-scotch-580x433-copia

Quicksilver dicevo… Quando venne mostrato il suo look, la vagonata di critiche su di lui fu immensa e venen boccaito subito. Nulla di più sbagliato: è stato la sorpresa del film, un persoanggio divertente e che col senno di poi forse meritava più spazio. Ah piccolo particolare: quando per la prima volta incontra Magneto, gli dice che la madre era stata con uno che controllava i metalli. Magneto lascia cadere la cosa lì e non viene mai detto chiaramente che è effettivamente suo padre (come è nel fumetto). La scena in cui però la madre assiste (sconvolta ed in silenzio) in TV all’attacco alla Casa Bianca assieme ai figli vale più di mille parole.

Sul finale poi c’è una tripla sorpresa. Wolverine si risveglia insegnante della scuola di Xavier, rivede alcuni alunii tra cui Rogue (1) e andando nell’ufficio di Xavier vede sulla porta Jean (2): sta per accarezzarle il volto… quando Ciclope (3) lo ferma! Gli eventi dei due film su Wolverine, del terzo capitolo e parte del secondo (se non tutto) sono stati cancellati ed ora si può lavorare ad un continuity più coerente. In questa nuova linea temporale, tra l’latro, WOlverin non si sottopone volontariamente al progetto Weapon X, ma viene catturato da Stryker.

396px-Giorni_di_un_futuro_passato_(John_Byrne)La scena dopo i titoli di coda? Non sconvolgente ma di sicuro effetto. Si vede una figura, come un sacerdote nell’antico egitto che con la sola imposizione delle mani sta costruendo una piramide. Mentre l’inquadratura gria vediamo in lontananza quattro figure a cavallo: il sacerdote è Apocalisse, le figure i suoi quattro cavalieri, ovviamente al centro del prossimo film in uscita nel 2016.

Voto finale al film? Un 7 pieno, un bel film che diverte (e con un Wolverine molto poco invasivo).

 

Coming Soon: X-Men: Days Of Future Past #DOFP

Ed è arrivato anche l’atteso trailer del nuovo capitolo cinematografico degli X-Men. Dopo una prima trilogia,  seguita da un modesto capitolo dedicato alle origini di Wolverine, un prequel dedicato alla nascita degli X-Men (First Class) ed un unltimo dedicato a Wolverine in Giappone (che ha fatto da ponte verso questo capitolo) ecco che ci apprestiamo a X-Men: Days Of A Future Past.
movies-xmen-days-of-future-past-postersTrama

In un futuro in cui i mutanti sono in via di estinzione e presi di mira dalla Sentinelle, dei robot prgoettati per dare loro la caccia dal Bolivar Trask. Il wolverine del futuro si trova così costretto a viaggiare indietro nel tempo con l’aiuto dei pochi superstiti, tra cui il professor Xavier e Magneto, per porre fine ad una guerra ancora prima che inizi. Logan si risveglierà nel suo corpo più giovane (ma con i ricordi del suo vecchio io) dopo gli eventi di X-Men: l’inizio e dovrà convincere Xavier a sperare in un futuro migliore e ad agire per il bene di tutti…assieme al Magneto del passato.
Mcavoy

Cast

Il cast vedere il ritorno di diversi volti della prima trilogia, come Halle Barry, Patrick Stewart e Ian McKellen, ma non solo. Debuttano anche alcuni nuovi mutanti, come Quicksilvert, Warpath, Blink, Sunspot e Bishop. Ben tre premi Oscar (Berry, Lawrence e Paquin) presenti nel cast assieme ad attori di livello eccelso (anche in teatro) come Stewart, Jackman e McKellen e senza contare i vari Emmy e Golden globe conquistati dal cast.

Gli “originali”

WOlverine Bprooff

Hugh Jackman: Interpreta Logan/Wolverine
Patrick Stewart: InterpretaCharles Xavier/Professor X
Ian McKellen: Interpreta Eric Lehnsherr/Magneto
Halle Berry: InterpretaOroro Munroe/Tempesta
Shawn Ashmore: Interpreta Bobby Drake/Uomo Ghiaccio
Ellen Page: Interpreta Kitty Pride/Shadowcat
Anna Paquin: Interpreta Marie D’Ancanto/Rogue
Daniel Cudmore: Interpreta Piotr “Peter” Rasputin/Colosso

I “giovani”

Magneto GUN

James McAvoy: Interpreta Charles Xavier/Professor X da giovane
Michael Fassbender: Interpreta Eric Lehnsherr/Magneto da giovane
Jennifer Lawrence: Interpreta Raven Darkholme/Mystica
Nicholas Hoult: Interpreta Hank McCoy/Bestia
Lucas Till: Interpreta Alex Summers/Havok

I “nuovi”
New mutants

Omar Sy: Interpreta Lucas Bishop
Booboo Stewart: Interpreta James Proudstar/Warpath
Fan Bingbing: Interpreta Clarice Ferguson/Blink
Adan Canto: Interpreta Roberto Da Costa/Sunspot
Evan Peters: Interpreta Pietro Maximoff/Quicksilver

I cattivi

Bolivar Trask

Peter Dinklage: Interpreta Bolivar Trask
Josh Helman: Interpreta William Stryker

Il regista

Bryan Singer: Regista, produttore e scrittore dedito soprattuto alla fantascienza ed ai super eroi. C’è lui dietro la macchina da presa X-Men; X-Men 2; Superman Returns, ed è produttore di X-Men l’inizio, ma il suo film più famoso è senza dubbio la pellciola uscita nel 1995: I Soliti Sospetti. Soffre di dislessia.

La “Vera” Storia

Il film è basato sull’omonimo arco narrativo del 1989 scritto ca Chris Clermont e disegnato da John Byrne.

396px-Giorni_di_un_futuro_passato_(John_Byrne)
Nel 2013 poche ore prima che le Sentinelle si spostino dal nord America invadendo e prendendo il controllo del resto del mondo e che le altre potenze sferrino un attacco nucleare, Kate Pryde s’incontra con Wolverine, fra le rovine di uno dei tanti edifici di New York City, che le consegna l’ultimo componenente di un macchinario in grado di annullare l’effetto inibitore dei collari che lei e gli ultimi X-Men rimasti in vita sono costretti ad indossare dopo che le Sentinelle hanno preso il controllo degli Stati Uniti e rinchiuso i mutanti superstiti ai loro massacri in campi di concentramento.

All’interno di uno di essi si riunisce col marito Colosso ed i compagni Tempesta, Franklin, Magneto e Rachel e dà loro il suo addio prima di affidarsi nelle mani di quest’ultima che spedisce la sua mente indietro nel tempo scambiandola con quella della sua controparte adolescente nel 1980. Kate si risveglia quindi nel presente dove avverte gli X-Men Tempesta, Angelo, Nightcrawler, Colosso e Wolverine del pericolo che corre il candidato alla presidenza Robert Kelly la cui morte per mano della Confraternita dei mutanti scatenerà l’isteria contro l’Homo superior; benché titubanti, gli altri accettano di portarla a Washington D.C. dove Xavier e Moira MacTaggert sono presenti alla discussione sul problema dei mutanti che Kelly tiene al senato.

Nel futuro, intanto, il gruppo guidato da Wolverine riesce a fuggire dal campo imboccando la via delle fogne mentre Magneto distrae le Sentinelle a costo della sua vita, tuttavia il suo sacrificio si rivela vano quando Franklin viene vaporizzato dai giganteschi robot costringeno gli altri ad ingaggiare battaglia. Sconfitta la minaccia, il gruppo si divide: Rachel rimane indietro a sorvegliare il corpo di Kate (in cui si trova la mente dell’adolescente Kitty) mentre Colosso, Wolverine e Tempesta s’intrufolano nel centro di controllo delle Sentinelle localizzato nel Baxter Building (i Fantastici Quattro, così come tutti gli altri super-esseri, sono stati uccisi dalle Sentinelle perché pericolosi per l’istaurarsi della loro dittatura). Benché siano riusciti a non azionare nessun allarme, il loro attacco manca dell’elemento sorpresa e le Sentinelle li uccidono tutti facendo sperimentare a Rachel ciascuna morte per via del legame telepatico.

Nel presente Mystica e la sua Confraternita costituita da Destiny, Valanga, Pyro e Blob, prendono d’assalto il senato con l’obiettivo di uccidere Kelly ed insegnare al genere umano a temere i mutanti però si scontrano con gli X-Men mescolati alla folla presente in aula. Nello scontro che ne segue, ed a cui partecipa anche l’esercito, gli X-Men riescono a sconfiggere ed arrestare quasi tutti i membri della Confraternita a parte Mystica che riesce a fuggire; con l’unico scopo di proteggere Kelly, Kate mette fuori combattimento Destiny (incapace di prevedere le sue azioni poiché rappresenta un’anomalia temporale) prima di essere costretta a tornare nel suo corpo. Rinvenuta, Kitty e gli altri si chiedono se salvare la vita del senatore abbia davvero fatto cambiare il futuro.

Fonti: Wikipedia