#AvengersEndgame – La Recensione

Il culmine di undici anni di avventure, ventuno film (con questo ventidue). Il film più atteso dell’anno (forse più di Star Wars). Avengers Endgame è questo, ma è anche molto altro. Riuscirà a battere il grande nemico delle aspettative?

Continua a leggere

Annunci

#BlackPanther – La Recensione

Poco dopo gli eventi di Civil War, T’Challa si trova a dover affrontare la sua nuova condizione: diventare Re del Wakanda e dover decidere del futuro della nazione.

Continua a leggere

#AmericanHorrorStoryHotel – Mommy (S05E03)

Non c’è che dire: questo capitolo dell’antologia di American Horror Story sta facendo parlare di sé.. E tanto! Ne parlano i fans, ne parlano i non fans.. Ne parla anche il Parents Television Council (omologo USA del nostro Moige) che inveisce pesantemente contro questa serie definendola infame e scioccante. Quello che conta è che lo spettacolo continua, e questa settimana prende una piega un po’ più normale, per così dire.

tumblr_nwlt6iAqXM1trbj08o1_1280 Continua a leggere

#AmericanHorrorStory #FreakShow – Massacres and matinees (S4E02)

A volte è un bene quando si inizia a conoscere i personaggi di una serie.. Altre volte, è un male.. E di male, in questo episodio, se n’è visto davvero tanto..

tumblr_nd3cvbVm5a1toqj4zo1_500

Devo dire che come episodio mi ha angosciata abbastanza – so che non è carino dirlo, ma sono cose di ordinaria fobia – per quanto si è visto in alcuni casi, e per le tematiche trattate. “Non ho visto nulla di così aberrante”, direte voi.. Bé, io sì.

Ebbene, ci sono nuovi arrivi in città: la mia diva Angela Bassett è finalmente apparsa, e con troppa roba addosso direi! Tre seni e ‘un pendolo’, che per fortuna ci è stato risparmiato.. La cosa più inquietante del personaggio in questione? Il marito, Dell.. Ex marito di Ethel e padre di Jimmy.. Cioè, nemmeno il tempo di arrivare e già ha fatto su un casino che non si capisce, ma perché? Appena arrivato ha già dato rogne non solo a suo figlio Jimmy, ma a tutti i freaks (non ditelo a Jimmy che li ho chiamati così, vi prego).. Come se di problemi non ce ne fossero già abbastanza.

Jimmy.. Jimmy è una testa calda, lotta per un’uguaglianza che, all’epoca in cui è ambientata la serie, non è concepibile.. E ci sta se vogliamo: prima dell’arrivo di quel deficiente di suo padre – che a quanto ho capito Jimmy non sa che Dell è suo padre – era lui l’unico uomo del circo che potesse un pochettino farsi vedere e farsi valere.. La sua causa è nobile, certo, ma in tempi e modi sbagliatissimi. E a fare le spese del suo essere testa calda è stato il povero Meep.. Non sapevamo chi fosse, non conoscevamo il suo nome, ma vedere come è stato ridotto quel poveretto non è stato piacevole.

Di contro c’è l’eterna lotta tra Bette e Dot.. Lotta su cui Elsa calca molto la mano fino a giungere ad un gesto estremo. Qualcuno si chiederà per quale ragione Elsa abbia interesse a sbarazzarsi di una delle due, ma a me pare abbastanza ovvio: vuole annientare quella che, tra le due, ha la personalità più forte per assumere il completo controllo sulla personalità più debole, più lasciva e più malleabile. Per non parlare del fatto che la gemella talentuosa è inesorabilmente destinata a glissare Elsa, ergo da annientata le fa più comodo.

Veniamo al vero idiota della serie: Dandy.. Quanto è stupido quel ragazzo, quanto? Non lo sopporto.. Ho sperato che Twisty facesse fuori sia lui che sua madre, e infatti c’è stato un momento, quello del teatro delle marionette, in cui Twisty aveva proprio lo sguardo da “Ma chi me l’ha fatto fare di venire a casa di ‘sto cretino?”.. Lui ha tutto quello che chiunque potrebbe desiderare: una vita più che agiata, auto di classe, abiti eleganti, una madre che gli copre anche gli omicidi.. Ho volutamente tralasciato il biberon di cristallo con tettarella in argento per il whisky, non credo che qualcuno possa invidiarglielo.. Cosa lo spinge a volersi unire ai freaks? Ovviamente la noia, sebbene la sua motivazione non sia del tutto sbagliato.. Lui è un mostro dentro, e lo si è visto quando ha seguito il suo nuovo compagno di merende nel bosco..

Okay, per quanto concerne la sottoscritta posso dire che il limite è stato superato: ho fatto del mio meglio, e nonostante gli incubi sono riuscita ad accettare, pur non tollerandola, la presenza di Twisty, e mi ero quasi abituata a quella maschera spaventosa.. Devo ammetterlo: non avevo capito niente. Il vero problema di Twisty the Clown non è la sua maschera, ma è quello che c’è sotto la maschera! Santo cielo, che schifo! Ho fatto un salto sulla sedia che non vi dico. Era proprio necessario dare vita ad un tale obbrobrio? Lo era davvero? Non lo so.. Credo che, nel corso degli episodi, prima o poi emergerà la verità su Twisty: chi è, perché è ridotto in quel modo squallido.. Ma anche allora mi chiederò se chi ha creato questo personaggio conosca la differenza tra la paura e il ribrezzo, e la – neanche troppo – sottile linea che intercorre tra i due concetti. Twisty con la maschera fa paura, le azioni di Twisty fanno paura, il suo assoluto – e oramai giustificato – silenzio fa paura.. Twisty senza maschera fa ribrezzo.

Nell’episodio precedente abbiamo visto un gruppo solido e compatto, abbiamo visto i freaks solidali tra loro e uniti, nel bene e nel male.. In questo episodio, invece, alcuni equilibri hanno inesorabilmente iniziato ad incrinarsi secondo me.. Ma il vero shock sarà nel prossimo episodio, e riguarda le nostre meravigliose fanciulle Bette e Dot. Non perdetevelo!

American Horror Story Freak Show – Monsters among us (S4E01) #AHS #SeasonPremiere

Benvenuti a Jupiter, dove le stranezze dell’umanità si radunano sotto un tendone esibendo le loro deformità agli occhi curiosi e scandalizzati del pubblico pagante.

tumblr_nctsiiQuq51rg5mmao1_500

Il debutto di questa serie di American Horror Story è stato pompato quasi all’estremo tra interviste, teaser, immagini inquietanti e chi più ne ha più ne metta.. Ma in concreto come si è presentata questa nuova stagione di AHS?

Personalmente posso dire che sono rimasta un po’ con l’amaro in bocca.. Certo, era presumibile che la premiere season di una serie antologica come è American Horror Story non potesse essere più di un’introduzione a ciò che verrà mostrato nel corso della stagione, tuttavia mi aspettavo di più.

Anziché partire con le note negative voglio iniziare con quelle positive.. A partire naturalmente da Jessica Lange. Il suo personaggio, Elsa Mars, è qualcosa di meraviglioso. Quel marcato accento tedesco, lo charme, il suo modo di fare.. Mi ha letteralmente incantata! E’ diabolica come sempre, dietro a quel savoir faire e alla tristezza che la coglie una volta che le luci dello show si spengono, permane una condizione di materialismo e di attaccamento se vogliamo. Ma è indubbio che Elsa abbia un forte istinto di protezione, o meglio di preservazione, verso i suoi freaks. Ho trovato meravigliosa e quasi toccante la sua cover di Life on Mars del maestro David Bowie, sebbene io abbia notato un potenziale blooper: AHS Freak Show è ambientato nel 1952.. Cosa ci fa una canzone del 1971 di David Bowie nel 1952? A parte questo, non mi aspettavo il colpo di scena finale per quanto riguarda Elsa..

Un’altra grande conferma è stata sicuramente Sarah Paulson. Interpretare un personaggio può essere complicato, proviamo anche solo ad immaginare cosa possa rappresentare interpretarne due, per di più contemporaneamente! Fossero poi personaggi caratterialmente simili si potrebbe intravedere uno spiraglio di facilità, ma Bette e Dot sono agli antipodi e questo riscontra una difficoltà ulteriore.

Evan Peters è sembra essere stato spolverato, ripulito e riportato agli antichi splendori (lungi da me azzardare un paragone con l’indimenticabile Tate, ma siamo sulla strada giusta). Il suo personaggio ha un che di evocativo, ricorda i cari vecchi badass e lo trovo meraviglioso. Concedetemi di soprassedere sul ‘secondo lavoro’ del fanciullo, al solo pensiero della facile ironia in cui potrei cadere mi sento una brutta persona!
Anche Kathy Bates va debitamente elogiata. La sua donna barbuta ha repentinamente cancellato il pessimo ricordo del suo precedente personaggio, la razzista Delphine LaLaurie, non solo per modi e differenze caratteriali quanto per umanità. E’ sempre schietta e, per quanto risulti ironico in questo contesto, senza peli sulla lingua.. Eppure mostra una grandissima umanità: verso Elsa, verso suo figlio, verso Bette e Dot.

Ho poco gradito – e anche poco compreso – la figura di Dandy e di sua madre. Okay, hanno mercanteggiato per Bette e Dot il che indica che Dandy sia un ragazzo ricco e molto viziato, il che non trasmette un bel segnale.. Ma staremo a vedere.

E ora parliamo finalmente di lui: Twisty The Clown. Ammetto di aver distolto più volte lo sguardo durante le inquadrature che lo riguardavano a causa della mia coulrofobia (che come avrete già capito in precedenza è il nome specifico della fobia per i clown).. E’ terrificante? Sì, lo è.. Diavolo, lo è eccome! Il trucco è fatto egregiamente, la psicosi che lo anima è perfettamente gestita e manifestata. Mi ha lasciata un po’ perplessa il modus operandi di questo clown.. Naturalmente tutto deve ancora essere svelato e questo è palese.. Tuttavia, il fatto che questo clown uccida e rapisca persone a caso mi lascia un po’ basita. Ritengo tuttavia – beninteso che a questo punto si tratta di una semplice congettura, per quanto alimentata dai fatti – che tra Twisty e le sorelle Bette e Dot possa esserci un nesso.

Detto ciò, dal poco che si è visto sul prossimo episodio sappiamo già che l’asticella della follia e dell’azione si alzerà di molto.. E’ come una partita a poker: le carte sono state assegnate, ora è il tempo di giocarle!

Coming soon: American Horror Story Freak Show

Possiamo definire Ryan Murphy un genio? Volendo, sì. Le sue opere sono state un successo, sempre e comunque.. Basti vedere Nip/Tuck, The New Normal.. E sì, aggiungo anche Glee. Perché Glee è stato un successo su tutta la linea, ed è stato ben altro a penalizzare la serie (la scomparsa di Cory Monteith ha dato un ulteriore colpo al ribasso a questa serie già di per sé traballante).. Ma se è vero che il pesce dopo tre giorni puzza, è anche vero che alcune serie – dopo un certo numero di stagioni – hanno più poco da offrire. Glee è una di queste serie a parer mio, e i dati mi danno ragione. Serie molto sociale, molto attenta ad alcune problematiche giovanili come l’omosessualità, le dipendenze, il bullismo, l’omofobia, disordini alimentari e quant’altro.. Ma in sé e per sé, Glee ha detto la sua e ora non ha più grandi cose da dire. Ma c’è una serie su tutte che garantisce il pane sulla tavola a casa Murphy, e questa è indubbiamente American Horror Story.

American-Horror-Story-logo-wide-560x282

Una serie vincente, perché? I motivi sono i più svariati: un cast ben assortito, composto da alcuni ‘pianeti’ (Jessica Lange, Sarah Paulson, Evan Peters, Denis O’Hare) attorno a cui ruotano dei satelliti.. Gli ospiti di grande rilievo (per citarne alcuni: Adam Levine e Zachary Quinto nelle passate stagioni, mentre per l’imminente quarta stagione si parla di Patti LaBelle – leggenda della murica soul e R&B – e Matt Bomer, o Neil Patrick Harris).. Ma credo che a farla da padrone siano sostanzialmente due fattori: il primo è legato all’impostazione antologica della serie, essendo ogni stagione a sé stante e non avendo un filo conduttore che lega una stagione all’altra, garantendo così allo spettatore storie sempre nuove e trame di rapida conclusione. Il secondo fattore è senza dubbio l’aver sdoganato l’horror senza ridicolizzarlo, rendendolo alla portata di tutti.. AHS ha reso ordinario lo straordinario, mostrando come il concetto di horror sia ampiamente più esteso del comune concetto di ‘bagno di sangue’ piuttosto che ‘assassino alla Leatherface’.. L’ha reso comune, ha mostrato la veridicità del motto di Sister Jude

tumblr_mqbsptK1i21saukjdo1_500

Murder HouseAsylumCovenFreak Show. Queste sono le quattro facce (di cui una ancora da scoprire) di American Horror Story. Un crescendo? Alcuni – io ad esempio – dicono di sì, altri sostengono l’esatto contrario. Asylum è senza dubbio i capitolo più amato, Coven quello meno celebrato dal web ma più premiato in termini di ascolti. Che dire? Murder House e Asylum erano più ad impatto immediato, le atrocità contenute nelle serie erano presto svelate. Per quanto concerne Coven non è andata affatto così: ho detto più volte nel corso della stagione che AHS Coven ha portato l’horror su un altro livello, forse ancora più atroce rispetto alla brutalità vista in precedenza, era secondo me un horror più sofisticato e più psicologico. Non solo per il modo in cui la stregoneria e l’arte magica in sé e per sé sono state trattate, quanto per i contenuti: il razzismo, le malattie, gli inganni, l’egoismo, le alleanze di comodo. l’arrivismo, gli abusi.. Tralasciando l’accoppiamento sanguinario tra Queenie ed il minotauro, non sono tutti orrori con cui siamo costretti a confrontarci ogni giorno? Ecco la ragione per cui considero Coven più rude e più sofisticata delle altre, nonostante il suo finale scontato e non esageratamente divertente.. Ma per Dio, mi è piaciuta! Dal casting al modo in cui passato e presente si sono fusi tra loro.. Alcuni contenuti sono stati discutibili, tipo gli abusi subiti da Kyle ad opera della madre o il vero e proprio sfondamento subito da Queenie con il minotauro, eppure hanno trovato la loro giusta ubicazione nella serie (almeno la storyline degli abusi subiti da Kyle.. Il segmento di Queenie l’ho trovato un po’ forzato ma tant’è). E poi diciamocela tutta: Evan Peters ha sempre portato personaggi interessanti sul piccolo schermo, come il suo indimenticabile psicopatico Tate Langdon, ma in questa passata stagione Kyle non aveva nessun senso. Creatura alla Frankenstein, trottolino amoroso di di Zoe, sex toy di Madison, cane da guardia-barra-maggiordomo di Cordelia.. Un fallimento su tutta la linea, almeno qualcosa di brutto dovevano farglielo fare..

1ScreenHunter_606_Oct_07_15_38

Ma adesso basta parlare di quello che sappiamo già, parliamo piuttosto di ciò che ci aspetta a partire dal 8 ottobre. Freak Show, letteralmente, sta per ‘spettacolo di mostri’. Un tempo, sotto questa definizione, venivano raggruppati quegli individui con alcune malformazioni che non trovavano altra ubicazione nella società: persone affette da nanismo, da ipertricosi, con deformazione agli arti, gemelli siamesi o persone con un gemello parassita.. In alcuni paesi questa tradizione circense è ancora viva e ben radicata, ma per lo più questa forma di spettacolo è andata scemando verso la metà del secolo scorso. E’ una pratica che oggi considereremmo crudele o contro i diritti dell’umanità, eppure è così: un tempo, la gente pagava per andare a vedere questi ‘mostri’, che chiameremmo ‘fenomeni da baraccone’. Ryan Murphy, in questa stagione di American Horror Story, ne ha radunati parecchi. Iniziamo a conoscerli (la fonte a cui attingo è BadTv.it).

  • Jessica Lange sarà Elsa Mars, star del cabaret e leader del freak show che conduce la sua bizzarra compagnia a Jupiter
  • Sarah Paulson sarà Bette e Dot Tattler, la donna a due teste
  • Kathy Bates sarà Ethel Darling, la donna barbuta
  • Evan Peters sarà Jimmy Darling, uomo con le mani a chela d’aragosta e figlio di Ethel Darling
  • Angela Bassett sarà Desiree Dupree, la donna con tre seni
  • John Caroll Lynch sarà Twisty The Clown.

Questi sono solo alcuni dei characters che daranno vita al Freak Show, ma ce ne sono molti altri: avremo naturalmente Emma Roberts, fidanzata di Evan Peters, che interpreterà una chiaroveggente di nome Maggie. Ci sarà anche l’immancabile Denis O’Hare interpreterà il ruolo di una sorta di truffatore – colluso con Maggie – che tenterà di agitare le acque nel Freak Show. Come detto in precedenza, è annoverata anche la presenza di Patti LaBelle.. Il suo ruolo non è ancora stato introdotto, sebbene da un’intervista rilasciata da Murphy stesso sembra che il suo ruolo sia di un discreto spessore. Quello che sappiamo per certo è che il suo personaggio ha una figlia, interpretata da Gabourey Sidibe (Queenie in AHS Coven).

Ma non stiamo a girarci tanto intorno: dall’hype creatosi intorno a questa figura, il personaggio più atteso e che desta maggior curiosità è indubbiamente Twisty The Clown. Tralasciamo il fatto che io sia più che terrorizzata dai clown, il che non funge affatto da incentivo per me per approcciarmi a questa serie.. Ma su Twisty si è detto (e visto) davvero molto.. Ed è stato proprio Ryan Murphy a fornirci molti dettagli. Sappiamo che vedremo Twisty già nel primo episodio (che, notizia di pochi giorni fa, durerà ben novanta minuti), e per stessa ammissione di Murphy sarà terrificante. Naturalmente le sue parole sono da prendere con le pinze, potendosi trattare di una mossa promozionale ben studiata.. Ma a quanto si è letto, sembra che alcuni membri della troupe abbiano sofferto di incubi per svariate notti dopo la visione di questo clown. E stando alle voci, questo non è tutto.. Pare, infatti, che sotto la maschera questo soggetto sia ancora più spaventoso di quanto non lo sia agghindato da clown. Le immagini rilasciate non promettono nulla di buono, e sono alquanto tesa per questo debutto..

N.B.: L’immagine di Twisty the Clown può essere visionata QUI. Non allego l’immagine per non urtare le persone più sensibili.

Un’ultima curiosità: nella serie sarà presente anche Jyoti Amge, che a soli 18 anni e con i suoi 62,8 cm è entrata ufficialmente nel Guinness World Record come la donna più bassa del mondo.

Il conto alla rovescia è ufficialmente iniziato, mancano solo sei giorni – per noi sette – al debutto di questo nuovo e terrificante capitolo di American Horror Story. Siete abbastanza preparati? No? Sfruttate questa settimana e preparatevi al meglio che potete!

American Horror Story: Coven – The Seven Wonders (S3E13) #AHSCoven Final Season

Trova la sua degna e sorprendente conclusione questa terza stagione di American Horror Story.. Tra i suoi alti e bassi, la Congrega riesce ad identificare ed eleggere la sua nuova Suprema.

01

Alzi la mano chi si aspettava questa nuova Suprema. Io, di certo, non la alzerò. Avrei investito su una ‘vecchia leva’, questo senza ombra di dubbio – non vi dico quali ragionamenti contorti e astrusi hanno animato una serata intera tra amiche – ma su Cordelia no, non ci avrei scommesso.

Direi che possiamo considerare questo episodio non solo come quello della consacrazione della nuova Suprema, ma come quello del sacrificio. Cordelia, infatti, non era tra le candidate ad eseguire le Sette Meraviglie.. Ma l’unica alternativa plausibile a lei era Madison Montgomery, dunque ringraziamo Cordelia per la sua discesa in campo. – Sette Meraviglie eseguite in modo magistrale peraltro – Ma il sacrificio è stato anche quello di Myrtle, che ‘per amore di giustizia’ e per garantire un nuovo giusto corso alla Congrega ha chiesto di essere rimessa al rogo.

Certo che se la nuova Suprema fosse stata Madison la Congrega avrebbe avuto più di un motivo per rimpiangere Fiona. All’inizio la adoravo, era l’unica con un po’ di carattere.. Ma da quando è risorta era peggiorata tantissimo, era più che insopportabile. Il non voler praticare la resurrezione su Zoe e preferire praticarla su una mosca è stata la tipica goccia che ha fatto traboccare il vaso. Mi rimane una sola cosa da capire: Madison era già morta, come ha potuto Kyle ucciderla semplicemente strangolandola?

Bé, un plauso in tutto questo va ad un vero mostro sacro: Jessica Lange. La sua interpretazione di Fiona è stata magistrale fino all’ultimo, fino a che Fiona non si è spenta tra le braccia della nuova Suprema nonché sua figlia. Ho trovato esilarante l’inferno che ha riservato a lei Papa Legba: l’eternità in un cottage in riva al lago con Axeman che le porta il pesce gatto appena pescato.. Geniale! Geniale ma al tempo stesso inquietante per certi versi, visto che a quanto pare l’inferno di Fiona si riduceva al trascorrere una vita ‘normale’ accanto a qualcuno. – come la capisco! –

Chi, come me e come tanti altri, segue questa serie fin dagli albori difficilmente etichetterà questa come la miglior stagione.. Tanti gli alti e bassi, troppi filler, una fase finale troppo concitata a dispetto di 2/3 di stagione anche troppo rilassati. Murphy e soci avevano annunciato fin da prima dell’inizio che questa stagione sarebbe stata diversa, meno horror.. Se posso riassumere in una sola parola direi invece che come stagione è stata molto più sofisticata. Il motto ‘all monsters are human’ usato in Asylum è tornato molto in voga in questa terza stagione: razzismo, discriminazione, inganno, odio.. Non sono forse tutti crimini umani?

Il pubblico ha premiato Coven con gli ascolti più alti nella storia di American Horror Story, il cast è stato a dir poco esemplare, dai mostri sacri come Angela Bassett, Jessica Lange e Kathy Bates alle nuove leve come Evan Peters, Taissa Farmiga e Emma Roberts. Sulla prossima stagione non è ancora stato rivelato molto, se non la conferma di Jessica Lange e l’ambientazione: Germania 1950 (circa), ed è notizia di questi minuti – fonte autorevole: Entertainment Weekly – che Murphy e soci abbiano già le idee chiare riguardo a ciò che sarà nella quinta stagione. Manca un solo ‘dettaglio’: il via libera per una quinta stagione.

E per quanto riguarda me, mi sembra banale dire che – se la fortuna mi assiste – mi occuperò anche della prossima stagione di AHS. Fino ad allora, un sentito GRAZIE a tutti coloro che mi hanno seguita durante questi mesi♥

 

American Horror Story: Coven – Go to Hell (S3E12)

Finalmente ci siamo! Finalmente si stringe il cerchio intorno alla nuova Suprema e ora sappiamo esattamente che.. Che vi sto prendendo per i fondelli, ecco che c’è.

12984_10202378059282767_2084958341_n

Diciamo che comunque il team di Ryan Murphy ha trovato il modo di tenere alta l’attenzione sul punto focale di questa stagione, nonché necessità primaria della congrega: trovare la nuova Suprema. Come? Sterminando praticamente chiunque non abbia a che fare con la nuova Suprema, riducendoci all’esigua cifra di sei personaggi: Cordelia, Myrtle, Kyle, Zoe, Queenie, Misty e Madison. Gli altri? Ce lo dice il titolo.. Marie Laveau fatta a pezzi da Delphine, Delphine uccisa da Queenie, Fiona fatta a pezzi dal suo amante, e lui scambiato per un ceppo porta-coltelli dalle ragazze della congrega.

Murphy ha deciso di giocarsi il tutto per tutto nel finale – cosa più che fattibile se, come in questo caso, non vi è necesità di un cliffhanger che introduca alla stagione successiva – dove tutte le aspiranti supreme se la giocheranno alla pari con le Sette Meraviglie. Le prove a cui esse saranno chiamate potrebbero essere rischiose, ma se la giocheranno tutte alla pari. Viene fin troppo naturale dire che ne resterà soltanto una? Direi proprio di sì perché di sicuro ne resteranno almeno due: Madison, che è già morta e risorta, e la voodoo doll Queenie, che non è crepata neanche sparandosi in bocca. A voler proprio esagerare, considerato l’andamento delle cose, potrebbero anche restarne tre: anche Misty è morta e risorta, quindi direi che la scelta è ampia.

Queste le prove che le nostre saranno chiamate a compiere nel prossimo – ed ultimo – episodio:

  • Telecinesi: spostare gli oggetti con la sola forza del pensiero
  • Concilium (controllo della mente): indurre qualcuno a compiere azioni non volute
  • Transmutazione: sparire e riapparire in un posto diverso
  • Divinazione: simile alla lettura del pensiero
  • Vitalum Vitalis (equilibrio dei livelli tra forze vitali): trasferimento di parte della propria linfa vitale
  • Descensum: una pericolosa ‘discesa’ nell’aldilà
  • Pirocinesi: ultima prova – spesso mortale – del controllo del fuoco

Nel corso degli episodi abbiamo visto sporadicamente queste diverse pratiche, eccezion fatta per la Pirocinesi. Madison ha mostrato abilità di telecinesi e transmutazione, Nan ha mostrato abilità di divinazione, Zoe e Queenie le abbiamo viste entrambe alle prese col Vitalum Vitalis così come Misty. Queenie si è resa protagonista anche di un’abilità innata nel Descensum, e la stessa Cordelia mostra in quella che lei chiama ‘la vista’ un qualcosa di molto simile alla divinazione.

Non è semplice fare dei pronostici.. Anche se, viene da dire, l’unica veramente mortale rimasta tra tutte è Zoe, e il tutto sembra convergere su di lei.. Eppure io ancora non sono convinta. Basterà attendere altri cinque giorni, e il mistero sarà svelato.. E non escludo sorprese.

American Horror Story: Coven – Protect the coven (S3E11)

Undicesimo episodio dei tredici in programma per questa terza stagione targata FX di American Horror Story. Un episodio ‘di transizione’ e abbastanza privo di senso, a dirla tutta..

12984_10202378059282767_2084958341_n

Come detto poc’anzi, un episodio piatto e alquanto privo di senso.. Siamo alle solite: muoiono, muoiono, ma ritornano sempre e non muoiono mai. Addirittura la martire Queenie, che si era sparata in bocca per far fuori Hank, è tornata dopo aver avuto un attacco d’arte e aver rimesso insieme i pezzi di Delphine LaLaurie.

Devo ammettere che questi ultimi due episodi mi hanno un po’ delusa.. Mi aspettavo qualche altra indicazione, una stretta del cerchio intorno alla prossima Suprema.. Invece mi sono trovata davanti il fantasma del maggiordomo che incoraggia Delphine a far fuori Marie Laveau con un antistaminico.. Cose da pazzi!

Un episodio molto fine a sé stesso, che per certi versi può anche starci se vogliamo, in vista degli ultimi due episodi in cui tutto verrà chiarito.. Ma di tante cose non ho capito il senso. Myrtle, per esempio: voi ci avete capito qualcosa? Discorsi senza senso, nessuna utilità ai fini della storia.. Niente di niente. Inconcludente direi che è la parola giusta da usare.

Esatto, sì.. Episodio inconcludente.. C’è stato il bagno di sangue questo è vero, anzi di sangue ne è stato versato parecchio, ma di per sé è stato molto fine a sé stesso: che fosse esso per mettere a cuccia i cacciatori di streghe, o per diletto, o per recuperare un talento perduto.

Ma è stato anche l’episodio dei saluti: quello ‘estremo’ a Nan ad esempio (che con buona probabilità è destinato a essere definitivo, visto che i personaggi di Jamie Brewer in AHS sono sempre destinati a quella fine), ma anche quello a Zoe e Kyle che su suggerimento di Myrtle lasciano la congrega. Anche qui, mi sfugge il senso della scelta degli autori.

Dal prossimo episodio, come si è visto anche nel promo, inizierà la fase di preparazione alle Sette Meraviglie (la serie di prove che l’aspirante Suprema deve sostenere per fregiarsi di tale appellativo).. Ne vedremo delle belle? Speriamo! Di brutte ne abbiamo già viste abbastanza in queste ultime due settimane.

American Horror Story: Coven – The magical delights of Stevie Nicks (S3E10)

Decimo appuntamento dei tredici in programma per questa terza stagione di American Horror Story, che con la fine di gennaio vedrà la sua conclusione.

american-horror-story-coven-poster-spellbound

Sono ancora molto perplessa su questo episodio, la cui unica nota positiva è stata la figura di Papa Legba, che ci permette di affacciarci marginalmente sul passato di Marie Laveau. Per il resto, ormai non vi è episodio in cui non muoia qualcuno.. Anche qui il concetto di morire è diventato abbastanza effimero: Kyle era morto eppure è ancora qui, Madison era morta eppure è ancora qui, stesso discorso va fatto per Myrtle. Dunque cosa ci potrebbe preoccupare nella morte di Nan, o nel seppellimento di Misty? Everyone returns, nothing hurt.

Per il resto definirei questo episodio come ritardatario. Sembra quasi che gli autori un bel mattino si siano svegliati e abbiano detto: “The magical delights of Stevie Nicks sarà il decimo episodio e ancora non ci siamo nemmeno avvicinati ad una probabile conclusione.. Affrettiamoci e buttiamo tutto nel calderone di questo decimo episodio”. Ed ecco che si è visto di tutto: patti demoniaci, sacrifici umani, ulteriore sfoggio di poteri da parte di Nan, punito con la morte, la localizzazione dei cacciatori di streghe e la conseguente distruzione finanziaria magica.. No, non va bene. C’è ancora troppa confusione, troppa dispersione: non abbiamo ancora chiare indicazioni di chi sia davvero la nuova Suprema, non sappiamo cosa ne sarà della congrega visto che ormai sono praticamente tutte morte e di davvero viva è rimasta solo Zoe – in senso lato ovviamente, visto che sembra più morta e catatonica lei di tutte le altre –

Quello che più risulta patetico, almeno per me, è che il fatto che sia rimasta la sola pienamente in vita lascia intendere che sia proprio Zoe la prossima Suprema.. E su quali basi lo possa essere, io non lo so. Nel corso degli episodi l’abbiamo vista due sole volte ad esercitare i suoi poteri da strega. E’ ancora tutto tanto, troppo confuso, e questo non va bene a questo punto della stagione. Il che lascia presupporre che da qui all’episodio conclusivo sarà una continua corsa contro il tempo.