#LukeCage – Straighten It Out (S02E02)

Luke mette alle prova le proprie doti atletiche mentre Misty cerca riadattarsi sul posto di lavoro. Mariah intanto programma il suo ritorno in politica e riallaccia i rapporti con una persona del suo passato.

Da come è iniziata, la stagione non mi dice nulal di buono. Lungi da me troncare dopo due soli episodi, ma c’è qualcosa che non mi convince in questo Luke Cage. Giogioneggia troppo, è un pelino arrogante… si crede forse anche al di sopra della legge (e lo vediamo nella scena finale della puntata).

Questo non è il Luke Cage che abbiamo conosciuto, quando era guidato da uno scopo: rendere Harlem sicuro. Dopo aver avuto la meglio su Cornell, il fratellastro ed in parte sulla Dillard, sembra più interessato a coltivare il proprio ego, lanciare messaggi, fare da testimonial.

Tutte cose che non sono da lui (ma intravedo la direzione verso cui si va). Per citare MC Hammer, you can’t touch this.

La puntata, ben ritmata nel complesso, cerca di farci capire come stiano cambiando le cose in quel di Harlem. La Dillard, ad esempio, è sempre meno interessata al business del crimine e almeno non lo è quanto Shade o quanto lo fosse il fratello. Per lei conta di più essere un personaggio pubblico, un esempio… punta ancora sulla politica insomma.

Mentre la responsabile della comunicazione la convince a riallacciare i rapporti con la figlia Tilda (laureta, medico ed ora proprietaria di un negozio di medicina olistica). Farsi vedere con lei dopo i problemi ed i lutti in famiglia le può dare nuova visibilità e considerazione da parte dei cittadini: sulle prime non è d’accordo ma alla fine cede e ci prova. La stessa Tilda è titubande, e non a caso le dice che ha solamente questa opportunità.

Qualunque cosa sia successa, non è stata una cosa da poco se i rapporti son così tesi. L’arrivo di Tilda sposta leggermente gli equilibri perchè non solo sembra mettere in disparte Shade (che combina un gran casino nel frattempo) ma ha un collegamento non da poco con Bushmaster.

Lo abbiamo visto la scorsa puntata, il tipo è a prova di proiettile e tutt’altro tranquillo o pacifico. Nel poco tempo che lo vediamo anche in questa puntata, non scopriamo molto di nuovo, abbiamo solo qualche indizio e conferma.

  • Odia la Dillard, ma non sappiamo il vero motivo;
  • Parla in maniera incomprensibile (se lo vede in originale);
  • Non nasconde l’orgoglio di esser Jamaicano;
  • Non ammira Luke, anzi ne è geloso e non capisce/accetta la sua popolarità
  • La sua forza è dovuta ad una medicina/rituale jamaicano

Ed indovinta dove può trovare gli ingredienti per questo? Ovviamente da Tilda!

Tilda, quando si presenta da lei in negozio, ne ha puara e ne ha ancora di più quando capisce il motivo per cui ne ha bisogno. Immaginate cosa potrebbe accadere se scoprisse di chi è figlia. Certo, magari non si troveranno su fazioni opposti ma dalla stessa parte contro la Dillard, non è da escludere neppure questo, eh…

Shade, dicevo, fa un gran casino. La sua donna ha bisogno dei soldi di Arturo Rey, che viene liberato grazie ai serivizi dello stesso avvocato di Kingpin, e lui lo uccide prima di prendere il contante perchè… Beh, in parte lo capisco perchè dà della puttana alla sua donna, ci sta che uno perda le staffe.

Quale impatto ha questo scatto d’ira? Beh, i soldi devono saltar furoi in qualche modo e visto che Mariah non vuole cedere su alcune cose, Shades è costretto a stringere un nuovo accordo. Con i Jamaicani.

Buona fortuna, ragazzo. Buona… fottutissima… fortuna. Fosse anche solo per capire che cazzo dicono.

Pensieri Sparsi

  • Sebbene la situazione di, forzatamente, ancora avvolta nella nebbia è già possibile intuire alcune cose come il fatto che Mariah  nella merda fino al collo e forse pure di più.
  • Bushmaster lo vedo allearsi presto con Tilda ed i dissapori con la madre saranno un fattore determinante in questo.
  • Shade avrà fatto una minchiata, ma non sottovalutiamolo.
  • Capitolo Misty: non la vediamo in azione, ma la vediamo al distretto intenta a lavorare alla scrivania. Quello che dice sui colleghi e di come la trattino diversamente è perfetto. Ci avrei messo qualche insulto in più, ma ognuno ha il suo stile.
  • Se vuoi far incazzare un jamaicano, parla male di Bolt.
  • Luke che mi va in paranoia è insopportabile, ancora di più quando fa l’albero genealogiche dei casini che son successi da quando il padre mentiva. Eddai, ripigliati!
  • Sta cosa che tutte sbavano per Luke ha stufato eh… pure la vecchietta che è più di la che di qua…
  • Gli ospiti musicali della puntata erano DJ Mister Cee e Gary Clark Jr: di quest’ultimo è la cover di Come Together usata nel trailer di Justice League.
  • Il brano da cui prende il titolo l’episodio? Eccolo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.