#Arrow – Collision Course (S06E14)

Con la città sul bordo del baratro economico, il Team Arrow e gli Outsider si trovano a scontrarsi nuovamente su Laurel: e questa volta non è solo uno scontro verbale.

Oh god, da dove inizio… Sinceramente trovare qualcosa di salvabile in questo episodio è cosa ardua. Non è tanto un problema recitativo, quanto proprio di scrittura: è la storia che non funziona in nessuno modo la si guardi, oltre ad esser incentrata sulla cosa peggiore scritta per la serie (sì peggio della pallosissima quarta stagione) ovvero la divisione del Team Arrow.

Non so cosa avessero in mente quando l’han pensata, ma è evidente che non funziona e non sanno come chiudere sta cosa: se non altro han capito che avere due team che, pur separati, agiscono assieme e condividono le informazioni era una puttanata immensa.

Per questo motivo, la definitiva rottura tra le due parti è la cosa giusta ma è anche qualcosa che viene fatto in un modo che lascia poco spazio allo sviluppo della storia. Ok, ora gli Outsider son da una parte, il Team Arrow dall’altra, si sono fatti male a vicenda e non solo metaforicamente: hanno obiettivi diversi, modi di agire diversi… Hanno soprattutto una missione diversa.

Che poi in realtà è la missione di Dinah, meno la parte dove viene uccisa. Almeno su quello Dinah è rinsavita, grazie a Curtis che le fa capire come la vendetta non sia giustiza: soprattutto di come il loro team debba esser diverso da quello di Oliver e che non dovevano diventare come lui.

Quanto a Laurel, per lei si apre uno scenario con un potenziale interessante. Curata da Quentin, scoperta da Thea (che avverte Ollie, il quale essendo spiato dagli Outsider rivela loro il tutto) è l’unica persona in grado di ridare alla città i soldi rubati da James. Già dopo la suo morte si è scoperto che il conto a Corto Maltese è stato prosciugato e dai filmati della sicurezza si scopre che è stata proprio Laurel a farli sparire.

Il risultato è che la città, in questa condizioni, è destinata ad andare gambe all’aria. La soluzione che offre Laurel è semplice: in cambio dei soldi mi fate scappare all’estero e io sparisco. Non sarà eticamente giusto, sarà un ricatto, ma sinceramente non posso criticare Ollie per piegarsi al ricatto: senza quei sodli non funzionerebbe nulla, dalla polizia agli ospedali, dai trasporti alle scuole.

Ma Dinah non lo vuole capire, e il resto del suo team non riesce a farglielo capire.

Il punto di rottura definitivo arriva con lo scontro tra le due fazioni: John viene ferito (Curtis usa l’impianto  nel braccio per rintracciarlo), pure Felicity… Ad avere la peggio è Renè che dopo averle da Olieve crolla a terra. Ricoverano in condizioni serie, gli viene consigliato di farsi ricoverare fuori città perchè lì non possono garantire le cure.

Insomma è andato tutto in vacca.

Le fasi finali, con la rottura di ogni rapporto tra Outsider e Team Arrow mi lasciano con la speranza che i primi lascino per un bel poì la città per dedicarsi a trovare Laurel: ormai il loro apporto allo show era minimo, era in una situazione di stasi, di paralisi o quasi. La cosa migliore, se si levano dai maroni, è il possibile ritorno di Thea e Roy in costume.

La situazione di Oliver è pessima, ma questo lo si sapeva già. Sapevamo che Diaz aveva in mano in la città sotto vari aspetti, ora abbiamo la conferma di quanto sia nella merda: il procuratore distrettuale vuole aprire un caso sul sindaco e chiede aiuto al nuovo capo della polizia chiedendo l’uso di tutte le risorse possibili.

Non so quali risorse abbia la polizia visto che non ci son soldi, ma vabbeh. Così come non so quando Laurel ha avuto il tempo di andare a prelevarare i soldi (a meno che il video recuperato da Felicity non sia un falso, ma non ne abbiamo di indizzi in tal senso).

Per ultima, la situazione di Laurel. Per lei sembra essere in arrivo una redenzione nel peggior modo possibile. La vediamoin stato di shock, ferita dopo lo scontro, chiedere aiuto ad un camionista dicendo di essere Laurel Lance e di esser stata rapita due anni fa. Troppo comodo, troppo scontato, troppo… ridicolo come mezzo per avere un buono nel team in vista dello scontro finale.

Scontro che spero tolga Oliver dalla politica, e lo rimetta in qualche modo come figura pubblica, come imprenditore… insomma qualunque cosa ma non il sindaco. Non mi ha mai convinto fino in fondo in questa veste.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.