#Runaways – Destiny (S01E03)

Scossi dalla scoperto sui loro genitori, i ragazzi iniziano ad indagare su di loro convinti che nascondano altri segreti ben più grandi e pericolosi.

Tutta la serietà dei primi due episodi sparisce in questa terza puntata di The Runaways. Ok, magari non tutta, ma indubbiamente questo è stato un episodio che ha alleggerito un po’ il clima generale, pur con i momenti di chiara tensione dovuto ai loschi affari degli adulti.

Affari di cui sappiamo ancora poco o nulla, se non che il sacrificio di Destiny serviva per dare energia vitale a quella creatura nascosta all’interno della setta dei Dean, e che probabilmente tale creatura è il nono di Karolina, fondatore del culto.

Culto che ovviamente rimane ancora molto oscuro, se escludiamo il fatto che sembra molto Scientology. Arrivano persino ad inventare un viaggio di Destiny a Londra per coprirne la sparizione: una balla a cui crede Karolina che riceve una foto dal cellulare della ragazza che la ritrae davanti al Big Ben, foto che si vede chiaramente essere taroccata.

Si trova però in buona compagnia in questo, perchè tutti alla setta credono che sia partita e non mettono in discussione nulla: segno che solo Leslie sa la verità, perchè abbiamo già appurato che suo marito è un povero fesso, nel migliore dei casi, tenuto all’oscuro di tutto.

Quello dei segreti è un grosso problema per il Pride, anzi per i loro membri, e non mi riferisco alla segretezza dell’associazione. Possiamo infatti notare che

  • Leslie tiene nascosta al marito la stanza dove c’è il misterioso essere;
  • Victor nasconde il fallimento del suo progetto;
  • Robert Minoru e Janet Stein hanno una relazione clandestina;
  • Robert ha anche comprato un appartamento per loro due;
  • Gli Yorkes stanno progettando di scappare in Messico;

Che i Wilder siano i soli a non nascondere (al momento) qualcosa  agli altri è un pochino strano, anche se certi comportamenti di Cathrine sono sospetti. Se è vero che il marito è un “trafficone” con molti agganci tra criminali, istituzioni e politica, semba che in realtà sia lei a comandare e prendere le decisioni: l’esempio è come gestisce la questione Molly quando viene trovato un suo fermacapelli nello studio.

La affronta duramente, mettendole chiaramente paura e non si farebbe problemi ad usare le maniere forti (ed un siero della verità), anche se poi sembra avere dei ripensamenti.

Ripensamenti che, tenendo in mente la scena di apertura del funerale dei genitori di Molly, fa un po’ riflettere. Geoffrey, notando una bruciatura sulla mano di Tina, insinua che sia stata lei ad ucciderli: ovviamente Robert nega, ma Geoffrey non sembra credergli. L’idea che mi sono fatto è che sia stata Cathrine ad ucciderli, magari perchè volevano uscire dagli intrallazzi del gruppo, e l’idea di far del male a Molly non riesce ad accettarla.

E questa è già la seconda morte legata alle famiglie del Pride su cui aleggia il mistero.

I ragazzi in questa puntata danno libero sfogo al loro esser ragazzi…e l’atmosfera da fumetto pervade il tutto, alleggerendo quanto basta il clima cupo dei genitori.

Per fare luce sui loro genitori, i ragazzini decidino di indagare cercando indizi in casa, quasi tutti in solitaria.

  • Molly non partecipa alel indagini, offesa perchè non le han creduto quando ha detto di un animale nello scantinato: finirà con l’imbattersi nella signora Wilder;
  • Karolina crede davvero che Desiny sia a Londra, ma inizia a fare domande per fugare ogni dubbio. Attirerà più dei sospetti;
  • Alex cerca di tornare nella stanza segreta, ma il padre torna a casa prima che possa scendervi: si salva per il rotto della cuffia;
  • Nico sfrutta l’assenza dei genitori, usciti per una cena romantica (che farà flop) per prendersi lo scettro che usa la madre: trovando il diario di Amy, cuaserà una nevicata in casa e chiamerà Alex per tentare di fermarla (ci riuscirano ma non sanno come). Tina torna in anticipo e per giustificare la presenza di Alex, Nico si fa beccare con lui sul letto.
  • Gerth e Chase controllano assiem le rispettive case. A casa Stein trovano la bara e degli occhiali a reggi X che serverianno loro (non solo per vedersi sotto i vestiti: humor semplice ma efficace). A casa Yorkes scopriranno che nello scantinato c’è un dinosauro e lo fanno scappare. Tuttavia Gerth riesce a controllarlo, potere della ninna nanna? Forse non solo…

Siamo solo alla terza puntata ed abbiamo avuto un assaggio dei poteri che hanno i ragazzi, all’appello mancherebbe solo Chase: abbiamo visto Karolina illuminarsi, Molly usare la forza, Gerth contrllare il dinosauro, Nico la magia ed Alex il carisma e la capacità organizzavo/strategica. Direi che l’inizio è decisamente buono, ed una seconda stagione deve esser fatta.

La puntata si chiude con la scoperta, in spiaggia, del corpo di Destiny: il fallimento di Victor è quindi scoperto e la situazione degenererà molto pensantemente. Gli equilibri all’interno del Pride sono molto fragili ora, ed è questione di un attimo prima che tutto crolli.

Spero però che non venga introdotto un mistero a puntata: abbiamo già Amy ed i genitori di Molly, è il momento di dare se non qualche risposta, almeno qualche indizio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.