#Gotham – A Dark Knight: Pax Penguina (S04E01) #SeasonPremiere

A distanza di mesi dal Techt Virus, a Gotham le cose sono un po’ cambiate. E non perchè Bruce ha deciso di agire in prima persona…

Quello di Gotham è stato un buon ritorno, con a volte un’atmosfera diversa dal solito. Innanzitutto è davvero una notte scura quella a cui assistiamo, la cupezza della città è ovunque e non solo nel fatto che non ci molte scene alla luce del sole.

La prima grande novità di questa stagione è rappresentatata dal tasso di criminalità: è ai minimi storici. Un crollo che ha una spiegazione molto semplice ed è… Penguin. Il buon Oswald ha infatti messo in atto una campagna a cui l’amministrazione comunale (ed il commissario) si vedono costretti dare appoggio: il crimine è legalizza, Oswald ha creato delle licenze per compiere reati.

Licenze ovviamente da lui emesse: chi ne è in possesso può compiere reati senza che la polizia, sempre più vista come qualcosa di superfluo, possa compiere arresti. Ed ovviamente, chi agisce senza licenza se la deve vedere con lui, anzi con Zasz ed i suoi modi pacati. Una scelta, quella di avere una Gotham in mano al crimine legalizzato che ha un potenziale enorme (Terra di Nessuno? Un richiamo c’è…), ma che non credo verrà sfruttato del tutto.

Ovviamente la cosa non piace a Jim mentre Harvey si trova a doverlo accettare senza poter dire o fare nulla.

Un Cobblepot quello che vediamo in questo season premiere, che è più politico di quanto non lo fosse da sindaco, ed è più affarista di quanto lo sia mai stato: insomma è lui che il potere in città, non il il sindaco e neppure le forze dell’ordine. Gotham è quella che abbiamo conosciuto in più film e trasposizioni ora.

C’è solo un problema nel piano di Cobblepot, ovvero che c’è chi non è d’accordo con la storia delle licenze: non tanto Jim, che non ha particolare rilievo in questa puntata (non necessariamente un male), quanto perchè una banda criminale decide di ribellarsi perchè non vuole assoggettarsi al Pinguino.

Un atto con conseguenze più gravi di quanto ipotezzibili, e che ben si inserisce nella storia. Non sono grossi criminali, sono semplici ladri di banche che fanno il passa più lungo della gamba andando ad Arkham e facendosi consegnare (pagando) il giovane Johnathan Crane ormai folel dopo l’esposizione al siero della paura iniettatogli dal padre tempo addietro.

Da allora è ossessionato e terrificato dalla visione di uno spaventapasseri, fattore che il direttore di Arkahm utlizza per tenerlo buono: beh i criminali lo voglino usare per ricreare quel siero da usare durante le rapine e poi, una volta sfidati apertamente da Penguin, su di lui e Zsasz.

La rapina mettere sulle loro tracce Jimbo, che ha un piano  incredibilmente valido: non potendo colpire chi agisce con licenza, vuol dare loro la caccia, battendo sul tempo Oswlad che vuole far dare un forte segnale del suo potere. Finirà che i ladri attaccheranno Penguin (che aveva capito il piano di Jim) all’inaugurazione del suo locale, lo esporranno alla tossina: in preda alla paura, Oswald si butta su Jim chiedendo aiuto facendo una pessima figura e vedendo la propria autorità minata nel profondo.

E Johnathan? Beh, lui ora ha abbracciato la propria fobia, dopo esser stato rinchiuso in dai ladri in uno stanzino con uno spaventapasseri: ora è lui lo Spaventapasseri ed ha prefezionato la tossina come sperimenta uno dei malcapitati ladri.

La nuova minaccia sulla città è arrivata quindi.

Nelle questioni di contorno abbiamo Selinae Tabitha che cercano di vivere e fare carriera nel crimine (senza licenza, quindi rischiando molto) ma soprattutto Bruce che agisce da vigilante sventando aggressioni (ed imbattendosi nelal questione delle licenze: ne parlerà con Jim anche). Le sue azioni vengono seguite nell’ombra da Ra’s, quinid possiamo aspettarci che la testa del demone avrà un ruolo in questa stagione, magari nella seconda parte.

Il suo interagire con Selina invece non è diverso dal solito, stanno facendo una sorta ti tiraemolla, ma la chimica tra i due tuttosommato c’è e non è male: da qui a capire che intenzioni abbiano gli autori con Selina ne passa. Sembra quasi che abbiano paura nel prendere in mano il personaggio e provare a fare qualcosa.

Se la paura che Gotham anche quest’anno si trovi ad avere una villain, Scarecrow, facilmente debellabile è presente, non posso che valutare positivamente la prima stagionale: la scelta di mettere non un personaggio al centro di tutto con fare eccessivo ma la città stessa ha ripagato bene.

PS: la scena tra Jim e Bruce al commissariato con il secondo che appare e scompare senza che l’altro se ne accorga è una vera chicca.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...