#The100 – The Chosen (S04E12)

Mentre Clarke parte in missione con Bellamy per salvare Raven, nel bunker la tensione sale alle stelle a poche ore dal Praimaya.

Non dimenticatevi la nostra affiliata The 100 Italia.

Manca poco e calerà il sipario anche su questa stagione di The 100. Quello che abbiamo nel penultimo episodio è riassumibile in una sola parola: disperazione. Sì, più del solito, o meglio… più evidente e straziante.

Il dover scegliere 100 persona a cui far superare il Praimfaya non è facile, lo avevamo già visto con la famigerata lista di Clarke: figurarsi ora dopo il colpo di mano fatto da Clarke…disfato dalla vittoria di Octavia, la quale si trova in una situazione MOLTO delicata.

Ed ovviamente si dimostra essere una con le palle cubiche come quando salva Niylah dal linciaggio di SkaiKru: visto che fa parte di un altro clan non c’è motivo per cui stia con loro, ma Octavia le prende sotto la sua protezione  ed ora c’è un posto in meno. Non che il ragionamento sia errato da parte della folla, visto che ogni clan pensa per sè, ma a tutto c’è un limite: e Jaha ha poco da dire “Sei una di noi” visto che Octavia sarebbe dovuta morire secondo le leggi della stazione orbitante ed era costretta a nascondersi sotto il pavimento.

Troppo comodo ora dire di essere dalla sua parte: se escludiamo Bellamy, tutti gli affetti ed i legami che ha, sono con i grounders. Octavia non è una dell’arca perchè lì era constretta a stare isolata, a nascondersi, non poteva vivere: giunta sulla Terra è iniziata la sua vera vita. E se si pensa che era una missione suicida, beh… caro Jaha, ha creato tu il mostro.

Come era prevedibile, Jaha tenta nuovamente un colpo di stato scavalcando Kane mentre si tiene la lotteria che assegna i posti per il bunker. Il piano di Jaha è quello di usare il gas per stordire i grounders e prendere il controllo delle risorse primarie: se si adeguano potranno viversamente… beh quella è la porta, andate pure. In questo modo vuole dare a Skaikru un punto di forza per trattare ed avere più spazio, per non uccidere altre persone…

Ovviamente finisce male, molto male. Kane vapisce subito che qualcosa non quadra e si fa sostituire per seguira Jaha a cui ricorda quanto fatto di recente, come la sua ostinazione nel cercare il bunker abbia salvato molta gente: questo può essere il suo lascito, la sua eredità.

Fermare la popolazione in tumulto è però arduo, visto che c’è comunque una scadenza imposta da Octavia (altrimenti sarà lei a decidere, è ovvio). Cosa fanno quindi? Usano il gas per stordire tutti evitnado che la situazione degeneri in un massacro. Un soluzione che non è una soluzione comunque visto che la scelta deve esser ancora fatta: come farla? Con la lista di Clarke, quella vista ad Arkadia qualche puntata fa…

Insomma, si è tornati al punto di partenza: una cosa che solitamente mi porta a tirare giù non solo i santi ma interi pantheon… ma non in questo caso per un motivo semplice: non c’era alternativa a quel punto e poi ‘sta genta soffre già a dover decidere chi, tra i privi di sensi, debba esser lascaito lì e chi debba essere portato fuori.

Mentre succede tutto questo, Clarke è assente. In pratica appena sde ne va, scoppiano i casini peggiori: incredibile come una ragazza tenga in riga tutti e gli adulti sembrano dei bambini. In pratica è come quando i genitori vanno via il weekend ed i figli fanno i maxifestoni in casa, solo che qui i “genitori” sono Clarke, Bellamy, Murphy ed Emori, partiti per l’isola dove recuperare e salvare Raven (che sarà sopresa di vederseli arrivare).

Il problema in questa missione è che cadono in un’imboscata che mette a rischio tutti (si sono uniti anche Harper e Monty nel frattempo) ma a salvarli interviene chi meno ci si aspetta: Echo. In cambio dell’aiuto dato, chiede di esser salvata, restando nel bunker del laboratorio dove hanno già intenzione di restare Emori e Murphy.

Ce li vedo eh!

Giunti a destinazione, ecco la novità: il piano cambia, Raven devo portare tutti presenti nello spazio, lì potranno sopravvivere, o almeno provarci viso che i problemi abbondano. E quanto resteranno lì, mangiando alghe e bevendo acqua ricavata dal’urina? Cinque anni.

Saranno cinque anni pesantini mi sa… Sempre che tutto vada liscio, ovviamente: sarebbe un inedito per la serie, eh!

Prepariamoci ora al finale di stagione. E per dirla alla Raven… The Death wave can kiss my ass!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...