#Supergirl – Resist (S02E21)

L’attacco di Rhea a National City trova risposta nelle decisione della Presidente degli USA, una decisione che trova Supergirl combatutta. Ed in città torna Cat Grant.

Signori e signore, ecco a voi la migliore puntata di Supergirl. C’è tutto quello che serve per lanciare il season finale, c’è il ritmo, tensione, dinamiche, critiche politiche, ritorni e sorprese: un bel peso per la prossima settimana indubbiamente.

Ed altrettando indubbiamente gran parte del merito di questo va al ritorno di Cat Grant. La sua assenza è stato l’aspetto negativo della seconda stagione e questo suo ritorno lo evidenzia con forza: ma non è colpa degli autori questa sua assenza, mettiamolo in chiaro. Il problema sono i soldi che la rete ha disposizione: non ci sono budget alti, e un’attrice come la Flockhart costa. In più, la produzione, rispetto la prima stagione (sulla CBS, ricordiamolo: basta vedere la differenza nei dati di ascolto per capire come cambino le cose) è stata spostata e non è automatico che un attore decida di trasferirsi di città.

Tornando alla puntata, è stata una anche una riunione di Villa Arzilla: Lynda Carter, Calista Flockhart, Teri Hatcher, e Brenda Strong sono tutte sopra i 50 anni di età. Fermi lì, non pensate che sia un dato negativo: i loro personaggi sono decisamente forti e reggono la puntata dando un’ulteriore spinta. Se gaurdiamo con attenzione sono in realtà loro le vere protagoniste, il motore/cuore/anima della puntata.

Rhea è la minaccia, la presidente la risposta della Terra, Cat quella che dà speranza e incita la popolazione, Lilian l’alleato in una situazione disperata: in un contesto così, il resto del cast può andare col pilota automatico perchè è impossibile sbagliare, anche per merito degli autori. Prendiamo Winn, ad esempio, il cui supporto comico è fantastico, puntale e impagabile: guardate quanto fluida è la scena in cui scopre la verità sulla presidente degli Stati Uniti. Priceless.

Come avevemo già visto, è un’aliena ma ora abbiamo un po’ più di informazioni su di lei. Previene dal pianeta Durla e quando venne invaso, la popolazione non fece nulla, sperando nel meglio: tempo un anno, e l’intera popolazione era stata ridotta in schiavitù, lei fu una delle poche a scappare.

Cat invece reagisce diversamente alla scoperta, avvenuta precedentemente dopo che Supergirl ha salvato lei dall’Air Force One, il quale si schianta al suolo con la presidente… che emerge dai rottami. “Almeno dimmi che sei ancora una Democratica”. Primo colpo, a segno.

Il secondo colpo è il monologo di Cat Grant con cui incita la popolazione a resistere agli invasori: impossibile non capire che è una nuova critica all’amministrazione Trump. E come ciliegina sulla torta, abbiamo pure una stoccata ad un ex volto storico della FOX come Bill O’Reilly, licenziato di recente per molestie sessuali.

Nel vortice degli eventi, abbiamo come detto pure l’improbabile alleanza tra Kara e Lillian per salvare Lena, la quale per volere di Rhea è costretta a sposare Mon El: la minaccia di distruggere gli ospedali è ciò che basta a convincerli (e l’idea è di avere pure un figlio: ma basta avere il DNA, non serve il divertimento).

Se è vero che Lilian tiene davvero alla figlia e la vuole salvare, è altrettato vero che un suo doppio gioco che portessa a dei guai per  Kara era scontato. Solo che per quanto bionda, Kara non è stupida ed aveva anticipato la cosa con l’aiuto di Winn: hanno manomesso Hankshaw in modo che a comando riaprisse il portale permettendo il loro ritorno dalla navemadre di Rhea, prima che Alex azioni il cannone laser per distruggere la flotta. Non ci riscirà comunque ad azionarlo perchè verrà misteriosamente distrutto…

Il fato che a lasciare l’astronave sia solo Mon-El non è una sorpresa: lo scontro tra Kara e Rhea era inevitabile, ma se ci si aspettva uno scontro alla pari o quasi… beh, non lo è. Rhea è stata un po’ più furba e tiene sotto controllo mentale… Superman, il quale colpisce la cugina mandandola al tappeto.

Ecco dove era finito (il DEO lo cercava dall’inizio di questa crisi) ed ecco chi ha distrutto il cannone.

C’è un po’ di spazio anche per Jimmy in questo episodio. Quel poco che basta per smerdarlo: salva Cat Grant con addosso il costume di Guardian e lei lo sgama subito. “Ti vedo gli occhi”. The Guardian: l’eroe più perculato dell’Arrowverse.

C’è qualcosa che non ha funzionato in questa puntata? Sinceramente no, forse la presidente è un ancora un po’ troppo sospetta, ma è una mia sensazione a pelle: sembra troppo ansiosa di polverizzare i Daxamiti ma potrebbe essere anche solo, ed è una mia idea, una questione di vendetta verso chi ataccl il suo pianeta. Non viene detto che sia stato Daxam, magari son stati i Dominatori,… però qualcosa non mi convince del tutto.

Adesso, pronti allo scontro tra cugini. Ed occhio a chi potrebbe intervenire…

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...