#SantaClaritaDiet: Le Nuove Frontiere Dell’Alimentazione

Prendiamo una zona residenziale di classe, il tipico quartiere bene che vediamo nelle serie tv. Case a schiera, famiglie felici e tuttosommato benestanti, dove vivono poliziotti ed agenti immobiliari. Case con il giardino sul retro, una staccionata, due macchine. Insomma un posto idiliaco, se vogliamo… Ecco, prendiamo questo ambiente ed immaginiamo che una coppia improvvisamente debba nascondere un segreto e mantenere un certo aspetto di normalità.

 scd
– ATTENZIONE SPOILER –
(Oh, ve lo dice pure Gordon Ramsay! )

La serie parte poco prima del grande cambiamento per due agenti immobiliari, Joel e Sheila, sposati con una figlia adolescente. Una mattina, lei si sveglia e, nonostante non si senta bene, va ugualmente a lavorare: c’è una casa importante da vendere e col marito non vuol perdere l’occasione. Ecco durante questa visita con i clienti mentre viene lodata la qualità della moquette in una stanza, Sheila vomita una, due volte. Si scusa e mentre il marito mostra il resto della casa rassicurandoli che avrebbero fatto pulire a propri spese, si chiude in bagno… e vomita.

Quando Joel va sincerarsi delle condizioni della moglie, beh la scena che gli si presenta non è propriamente bella: non solo ha vomitato l’impossibile, ma Sheila è morta. Poi però si sveglia, e neppure lei sa spiegarsi cosa sia successo: ci vorrà un po’ di tempo prima che capisca la verità ovvero è diventata una zombie.

Conosciamo intanto il cast.

Timothy Olyphant: Joel Hammond, agente immobiliare
Drew Barrymore: Sheila Hammond, agente immobiliare
Liv Hewson: Abby Hammond, figlia di Sheila e Joel
Skyler Gisondo: Eric Bemis, vicino di casa innoamorato di Abby
Ricardo Chavira: Dan Palmer, vicesceriffo e vicino degli Hammond e patrigno di Eric
Mary Elizabeth Ellis: Lisa Palmer, la madre di Eric
Richard T. Jones: Rick, polizotto, vicino di casa degli Hammond

Come detto, Sheila è uno zombie e potete quindi immaginare quale sia la dieta a cui fa riferimento il titolo: carne umana. Oh, sia chiaro, prima di passare alla carne umano ha provato con il pollo e con il manzo, ma non erano abbastanza, neppure da crudi, e così con l’aiuto anche del marito, si opta per uccidere la gente: ovviamente solo persona che meritano e di cui nessuno sentirà la mancanza, ma sempre persone.

Il tutto, ovviamente, di nascosto da vicini e colleghi: solamente Eric sa del segreto della famiglia Hammond, tanto da aiutare come può. Certo, il fatto che sia cotto di Abby ha una certa rilevanza…

Quindi cosa abbiamo in Santa Clarita Diet? Beh, sicuramente un nuovo approccio agli zombie. I non morti sono sempre stati presentati in un certo modo, tendenzialmente siamo abituati alla rappresentazione stile The Walking Dead, già con World War Z ci son discussioni, con un’origine dovuta ad una epidemia: magari non si scopre a cosa sia dovuta, ma si parla di malattia, di virus.

Qui non lo sappiamo a cosa sia dovuta, gli autori hanno inserito un misterioso racconto folkloristisco slavo (a quanto mi risulta, inventato) ma Sheila è l’unica ufficialmente che soffre di questa condizione. Ok, c’è anche Loki, un criminale che dovevano uccidere ma che viene trasformato da un morso della stessa Sheila, ma non dura poi molto la sua presenza.

In più abbiamo una stagione breve, pure per gli standard di Netflix: non 13 ma solo 10 episodi, di 30 minuti. Pochissimi fronzoli, quindi.

Ma soprattutto, risate. Che sia per le azioni sconsiderate di Sheila, priva di inibizioni nella sua nuova condizione, o per le reazioni di Joel che, diciamo, è un po’ un coglioncello troviamo delle situazioni assurde: per esempio, Sheila che si lancia su un pollo che razzola in giardino per mangiarselo.

Oppure i tentativi di nascondere la nuova condizone, sempre a rischio di esser rivelata. Per non parlare poi di Abby che fa uscire la sua anima ribelle, trascinando nei guai anche Eric (il quale non vede l’ora). Ecco diciamolo: Abby ed Eric sono Sheila e Joel da ragazzi. Tra loro ci sono le stesse dinamiche che vediamo negli adulti, solo in contesti e modi differenti: ad esempio, rubando un moto o cercando una cura per Sheila.

Distribuita il 3 febbraio di quest’anno, non è stata ancora rinnovata per una seconda stagione. E sarebbe meglio che venisse fatto questo rinnovo, caro signor Netflix… Non solo perchè la serie finisce con un doppio cliffhanger (Sheila tenuta in catenere in cantina perchè sta peggiorando e Joel in manicomio) ma soprattutto perchè è una vera novità in ambito comedy e zombie.

E non serve nemmeno fare stagioni particolarmente lunghe, non servono 24 puntate ma ne bastano 10 per divertire e creare quel desiderio di di volerne di più. Decisamente un buon mix, con un cast che sorprende e con special guest interesanti come Nathan Fillon, Patton Oswald e Portia De Rossi.

Una serie così non può restare incompiuta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...