#Grimm – Where the Wild Things Were (S06E11)

Julietteve parte in missione contro la misteriosa forza al di là dello specchio: quando il Team Grimm lo scopre troverà un modo per consentire a Nick di Raggiungerla mentre un’impensabile allenza con Renard viene stretta al fine di proteggera chi sembra essere al centro di tutto, ovvero Diana.

Adesso ditemi voi se poi uno non deve tirare giù tutti i santi ed i pantheon. Al terzultimo episodi si apre un nuovo mondo, tutto viene svelato, scopriamo chi è il cattivo e cosa vuole, con il risultato che ne vogliamo di più. Voglio dire, introdurre il cattivo di stagione un po’ prima e non affrettare tutto in 2 puntate (forse tre) pareva tanto brutto?

Di questa puntata c’è poco da dire, è un lungo preambolo e poco più.

Quel poco che possiamo dire, ad esempio, c’è stato il confronto tra Julietteve e Nick che era effettivamente dovuto e con cui chiudono definitivamente ogni cosa ci fosse ancora tra loro. Juliette è morta, ha fatto delle scelte molto discutibili ed una parte di lei è ancora viva, ma ora esiste solo Eve: ed in ogni caso non ci son rimpianti, non pensa a cosa poteva essere senza Nick, il quale si sente in colpa per tutti i casini che ha fatto ed ha portato nella sua vita.

Certo a noi del pubblico interessa magari poco visto che sulla loro relazione era stata già messa una pietra (tombale) sopra da almeno due stagioni, ma narrativamente era evidente che c’era ancora qualcosa da risolvere: la chiusura di un cerchio insomma.

Ci viene introdotto un nuovo mondo dicevo. Oltre lo specchio infatti, Eve si trova in una realtà dove i Wesen non si trasformano e sono sempre in Woge e dove tutto è selvaggio e non c’è stato (ancora?) progresso tecnologico, come dimostra lo stupere quando Nick la raggiunge ed usa la pistola: per loro è magia. Non scopriamo null’altro su questa realtà, neppure se sia una mondo dove i Wesen han preso il sopravvento o se sia (parere mio), un viaggio indietro nel tempo.

In questo mondo regna Zerstorer (Distruttore) ovvero la misteriosa figura che è apparsa nello specchio e che ha pr eso di mira Eve. Sappiamo che è temuto dalla popolazione e quando alla fine si palesa a Nick (riconoscendolo come un Grimm) ed Eve è decisamente imponente e potente, per cui aspettiamoci uno scontro molto difficile.

Nel mondo reale invece scopriamo cosa sia veramete Zerstorer e cosa vuole grazie ad i contatti di Renard. Sean è infatti dovuto scendere a patti con il Team Grimm visto che i simboli sono legati alla figlia e la situazine è sempre più delicata. Zerstorer è, in sostanza, il MALE: chiamarlo diavolo o Satana è solo una convenzione, sono nomi c he nel tempo gli son stati dati. Non è una soluzione narrativa nuovissima, ma fa il suo dovere egregiamente: la verà scoperta è però un’altra.

Zerstorer non vuole Eve, non è lei come abbiamo sempre creduto il suo obiettivo e neppure Nick, bensì Diana: stando alla profezione che viene riferita a Sean (da lui al Team Grimm), Diana è la sposa-bambina di Zerstorer da cui avrà centinaia di figli con cui conquistare il mondo.

E così calò il gelo.

Diciamo che la rivelazione è raggelante, un sentimento ben espresso dalla reazione di Monroe. Ora, con due sole puntate, la situazione è decisamente frenetica: bisogna far tornare Nick ed Eve, cosa non facile, proteggere Diana e tutto il mondo.

Decisamente è lavoro che richiederà l’aiuto di molti: continuo a sperare in Trubel e nel suo ritorno almeno come supporto. In più bisonga proteggere Diana, motivo per cui mi aspetto qualche asso nella manica da parte di Sean.

E il mio sentore dice che qualcuno dovrà morire affinchè tutto si risolva per il meglio.

Pensieri Sparsi.

  • E così gli umani mangiano la carne Wesen da quelle parti oltre lo specchio…
  • Monroe: colui che al mio fianco in un quiz a premi.
  • Eve morirà per salvare il mondo, scommettiamo?
  • In una sala con una Hexenbiest, uno Zauberbiest, un Blutbaden, due poliziotti di cui uno che non si sa cosa sia anche esattamente, è una Fuchsbau a decidere cosa fare e come dividersi per risolver la situazione. Certo, Rosalee non è mai stata una che si fa prendere dal panico, ma mancava poco che li prendesse a coppini…
  • La delusione di Renard nello scoprire che il tesoro nascoso dai templari è un pezzo di legno, non ha prezzo. E neppure la risposta che si prende.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...