#Supergirl – We Can Be Heroes (S02E10)

Una fuga dal carcere riporta alla ribalta una vecchia rivale. Livewire torna libera…e non è sola? E questa volta in campo scendono soprattutto i ragazzi.

supergirl

supergirl-s02e13-2Poteva esser una puntata disastrosa perchè si prospettava una forte presenza di Guardian/Jimmy, ma fortunatamente non è andata così. Su questo fronte ci sono un paio di novità, nulla di sconvolgente ovviamente, semplicemente qualcosa di inevitabile, forse solo un po’ troppo velocemente: ma dopotutto, via il dente, via il dolore.

Dunque, ora Kara sa che The Guardian è Jimmy: la prende bene? No, s’infuria come era prevedibile dicendo che non è una cosa per lui, non può mettersi in pericolo, lei e Mon El sì perchè hanno poteri, etc etc..

Come si arriva a questo? Dopo un scontro in cui Jimmy viene ferito, Winn gli fa pressione perchè lo dica a Kara: se la sua armatura si è danneggiata vuol dire che ‘è un problema e potrebbe accadere anche col scostume di Kara e di Mon El (a cui deve lavorare): lui cede sta per dirlo ma poi ci ripensa, così che Kara lo verrà a sapere quando Guardian resta privo di sensi a terra dopo un scontro con “Livewire”.

Tutto il blocco riguardante Guardian non regge, pur essendo supergirl-s02e13-3il meglio che si sia visto al riguardo in questi pochi episodi, per una costruzione alquanto zoppicante. Brooks riesce qui a tirare fuori il meglio (forse qualcosina in più) con quello che ha in mano, ma è la scrittura del personaggio che lascia dei dubbi.

Prendiamo le motivazioni di Jimmy per essere The Guardian, ad esempio.

Jimmy vuole fare la differenza, aiutare la gente e proteggere gli indifesi. Allora perchè fare il vigilante e non chiedere di entrare nel DEO? Dopotutto la stessa armatura è merito del DEO, quindi ripeto: perchè fare il vigilante? Al tempo stesso non reggono le motivazioni di Kara nel non volere che lui faccia l’eroe: se lui non può farlo perchè non ha poteri, perchè è una cosa da gente con i poteri… che dire del fatto che lavori con agenti del DEO che sono altrettanto privi di poteri, compresa la sorella?

supergirl-s02e13-4Certo, addestramento ed equipaggiamento fanno la differenza: ma abbiamo visto che Jimmy sa combattere quindi non sarebbe male trovare il modo di unire queste due cose. Il che porterebbe ad un sempre maggiore allontanamento dalla CatCo, già ben poco presente in questa stagione.

E intanto Winn se la cava con una semplice lavata di capo.

Un po’ di spazio torna ad averlo J’onnz, dopo un po’ di tempo passato nelle retrovie. Non è molto quello che lo riguarda, ma ha una certa importanza per due motivi. Il primo è più sul personale (per lui) in quanto deve aiutare M’gann finita in coma: sebbene all’inizio non voglia, visto il suo odio per i marziani bianchi, alla fine cede e scopre quello che accadde su Marte ed il perché delle sue azioni. L’aver tradito la sua gente ha comportato una condanna a morta per M’gann che si rifiutò di uccidere un bambino nel campo di prigionia.

supergirl-s02e13L’altra cosa che scopre è che stanno arrivando a prenderla per condannarla a morte. Il motivo per cui lei è finita in coma è perché ha sentito la connessione con loro e per proteggersi ha creato uno scudo che la intrappolava in un ricordo, quello in cui è entrato J’onnz.

Piccolo problema: ora i marziani bianchi sanno dove si trova e sono in arrivo. E questo è materiale per la prossima puntata, che si preannuncia interessante.

Interessante la questione del cattivo della settimana, che come detto è un ritorno in quanto si tratta di Livewire. Solo che…beh, è uno specchietto per le allodole. Le prime notizie parlavano di una fuga della criminala dal carcere, ma dopo aver visto i filmati della sicurezza diventa chiaro che è stata rapita: autori del rapimento, una guardia ed un’altra detenuta.

Per conto di chi? Di un non meglio precisato dottore che ha deciso di usarla per un’esperimento da proporre ai militari e punta a trasferire le abilità di Livewire ad altri soggetti: ci riesce tentendola attaccata ad una macchina.

L’intervento di Supergirl (aiutata da Jimmy ma anche da Mon El) la libererà, ma è da rimarcare come Kara veda in Livewire sempre e comunque del buono, vive persino male il fatto che lei sia la sua nemesi.

supergirl-s02e13-5E ci vede bene perchè se è pur sempre vero che stava per uccidere il dottore che l’ha fatta rapire, alla fine riesce a convincerla a non farlo e la lascia scappare, con l’intesa che avrebbe rigato dritto. Vedremo quanto durerà.

Che dire, è stata una buona puntata con un buon ritmo e delle buone scene d’azione. Non è però stata una puntata fluida nelle dinamiche, non abbastanza. Ha toccato molti punti, la scena è stata bene distribuita tra i vari protagonista ma non c’era abbastanza collante.

Pensieri Sparsi.

  • Quando Kara dice a Jimmy che ha Mon El come aiuto sul campo, Jimmy viene investito in pieno da un TIR. Due volte, la seconda in retro. E l’autostima crolla.
  • Storia Kara/Mon El: ok abbiam capito che i piani alti han deciso così. Non son d’accordo, ma per come la stanno trattando mi va bene. Ricordate che io sono un senza cuore.
  • No, Maggie. Il gelato vegano no. ASSOLUTAMENTE FOTTUTAMENTE NO!
  • Seriamente: Guardian non funziona. Brooks fa il meglio che può con le carte che gli danno, ma non è abbastanza. E lui non è un Al Pacino, diciamolo…
  • Più Livewire, grazie.
  • Oltre a Livewire possiamo avere dei villain un po’ più strutturati anche? Anche più alieni eh!
  • Come detto. Jimmy dovrebbe arruolarsi nel DEO. Ptrebbe rendere meglio.
  • E prepariamoci a dire addio definitivamente alla Catco.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...