#LukeCage – Code of the Streets (S01E02)

Cottonmouth rivuole i suoi soldi, la polizia vuole capirci di più sulla sparatoria alla discarica: insomma entrambe le parti, buoni o cattivi che siano, vogliono Chico. Nel mezzo, restano Luke e Pop…

lukecage

La prima puntata ci ha presentato il nuovo mondo in cui Luke vive dopo aver lasciato Hell’s Kitchen; questa seconda ci mostra perchè Cage diventa (controvoglia) un eroe.

Harlem non è un bel posto, lo abbiamo capito da subito, e per quanto sia difficile star fuori da certi giri e certi guai, c’è chi ci riesce a prova ad aiutare altri a fare altrettato: questo è quallo che Pop. Offre un lavoro a Luke, cerca ti mettee in riga i ragazzi, di dar loro un educazione: certo non è facile, anzi… però ci prova.lukecage-s01e02

Il motivo per cui lo fa, è che lui stesso era sulla cattiva strada, andava in giro per il quartiere, picchiava la gente (da qui il soprannome Pop) ed è finito in carcere per questo: nel suo gruppetto c’erano Wilfredo Diaz (il padre dell’ora ricercato Chico) e Cornell/Cottonmouth.

Insomma è tutta una questione di scegliere da che parte stare: Cottonmouth e Pop stanno su lati opposti, ma il rispetto non manca: c’è un codice da rispettar, e per questo motico il suo negozio è una zona franca, è neutrale come Svizzera (parole dello stesso Pop). E questo rispetto si scontra con l’arroganza delle nuove generazioni, giovani arroganti che pensa di poter fare quel che vuole: Chico, Dante e Shameez sono degli esempi, ma non anche tra i fedelissimi di Cornell ce ne sono, tipo Tone.

lukecage-s01e02-2Lo scagnozzo di Cottonmouth decide di agire di propria iniziativa quando riceve una soffiata da Turk Barrett che vede Chico al negozio di Pop (dopo che Luke lo ha cercato e trovato come favore al suo capo): la conseguenza è che la decisione presa ha serie conseguenze per tutti, da Cornell in giù, inclusa la Dillard.

Nonostante Shade lo inviti ad aspettare, Tone assalta il negozio di Pop sventagliando con due mitragliatrici. Risultato: Chico gravemente ferito, Pop morto, negozio distrutto, Luke che fa da scudo ad un altro ragazzo fingendosi poi morto, soldi recuperati.

Quando però Tone farà rapporto a Cornell, il capo non è contento ed il primo pensiero che fa quando scopre che il negozio di Pop è andato distrutto è quello di fare una donazione per farlo ripartire: quando scopre che è morto, Tone vola dal tetto del locale (sotto gli occhi di Turk, intrufolatosi per batter cassa e che vien invitato di andare da Tone a prendere i soldi).lukecage-s01e02-3

Ora i conti in sospeso tra la Dillard e suo cugino sono saldati (lei aveva usato i fondi della campagna elettorale per i lavoro al locale di lui) c’è un nuovo problema da dover affrontare: un Luke Cage incazzato come una biscia che vede la stessa Dillard con in mano lo zaino di Chico.

La vera star della puntata però è Misty Knight. Con poche scene diventa un persoanggi che lascia il segno e ci fa capire di che pasta è fatta. Non solo quando fa visita a Pop (alla ricerca anche lei di Chico)  ci rivela di essere ben ancorata al quartiere, rivela al tempo stesso a Luke la sua vera identità (e non mancano le frecciatine tra loro), si rivela essere una ex cestista di livello oltre che avere le palle.

lukecage-s01e02-4Il suo modo di fare è determinato, diretto, sa porre le domande giuste: ed ha capito subito che nella storia che ha raccontato Luke, c’è qualcosa che non quadra e non vuole smettere di indagare su questo perchè è il suo lavoro. Curiosa, determinata, astuta. Raramente si vede un personaggio, anche secondario se vogliamo, che emerge così nettemante.

Ed ora, fuoco alla polveri.

Pensieri Sparsi

  • Confermata la sensazione del primo episodio. Personaggi con stile, buona musica e belle atmosfere.
  • Pop e Cottonmouth come due facce della stessa medaglia. La loro compresenza garantiva di fatto un equilibrio nella zona che ora saltato.
  • Misty Knight spero risulti essere un personaggio che abbia molto peso nelal serie. E chissà se/quando otterrà il braccio bionico.
  • La Turk presenza di Turk è solo un debole collegamente con Daredevil. Ed è pure un pesonaggio che sembra buttato lì per caso, non sembra amalgamato nell’ambiente pure avendo un passato (immagino di che tipo) con Misty Knight.
  • Se ve lo chiedete, la sfida al playground era reale. Simone Missick era il capiatano della squadra di basket al liceo.
  • Fossi stato al posto di Cottonmouth avrei fatto volare pure Turk.
  • Quanto è fissato Cornell con Notoriuous BIG? Non so, fate voi… A cantare al club c’era la vedova di Biggie Smalls, che ricorderete per la I’ll Be Missing You, il pezzo fatto in sua memoria con Every Breath You take dei Police come campionamento.
  • Per chi fosse interessato, ecco i la canzone a cui dobbiamo il titolo della puntata.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...