#Gotham – Red Queen (S3E07)

La stagione sta scorrendo a un ritmo veramente folle, quattro episodi e saremo già al giro di boa. Tuttavia, devo ammettere che questo episodio è stato discretamente accettabile solo grazie ad una situazione irreale, e questo non è propriamente ciò che mi aspetto quando guardo un episodio di una serie.. Soprattutto di una serie come Gotham.

gotham-3x07-11

Sembra che con questo episodio sia andata concludendosi la parabola di Mad Hatter.. Personaggio semplicemente strepitoso, e credo che anche per gli autori non sia stato facile da gestire facendolo parlare per rime [compito ancor più arduo per i traduttori quando verrà il momento di doppiarlo], assicurato almeno temporaneamente alle ‘amorevoli cure’ dello staff di Arkham insieme ai suoi sgherri.

Come detto, gran parte di questa puntata è stata resa gradevole da qualcosa di irreale, dal viaggio allucinogeno di Jim in stile “Canto di Natale”.. Però come situazione è stata molto ben gestita ed è stata assai interessante da prendere in analisi. Una volta tanto, prima di tutto, non ho da ridire su Barbara: forse la miglior Barbara dopo la prima stagione. La sua presenza è stata molto significativa, incarna a pieno come il mondo di Jim sia cambiato dopo di lei ma come nonostante tutto lei sia ancora una presenza ‘importante’ nella sua vita [sebbene l’importanza sia diversa rispetto a prima].. Allo stesso modo in cui lo è stata la presenza di Bruce, che altrettanto ha influito sulla vita – stavolta professionale – di Jim e lo ha portato forse a fare tanti passi più lunghi della gamba. Al tempo stesso, però, secondo me viene anche mostrato quanto la sua vicinanza a Bruce Wayne lo abbia messo e lo possa mettere ancora in serio pericolo [e con qualcosa di cui parleremo più avanti penso potrebbe uscire qualcosa di veramente interessante]. Capitolo famiglia da pubblicità con Lee, nessuna sorpresa: lo hanno capito anche i muri che Jim è ancora innamorato di Lee [lo ha capito anche Valerie, il che è tutto dire] e mette soltanto le carte in tavola su ciò che Jim ha sempre voluto per sé. Poche sorprese anche nell’incontro – sempre allucinogeno, ricordiamocelo – di Jimbo con il padre: sappiamo tutti che Gordon Senior rappresenti ancora molto nella vita di Jim [come è normale per ogni figlio], tanto da dargli la spinta a riprendere poi il distintivo.

Nel mondo reale, fuori dalle visioni di Jim, Oswald ha avuto un brusco risveglio dal suo sogno d’amore. Nygma sembra non curarsi minimamente di lui ed è completamente rapito da Isabella, sulla quale aprirei una parentesi riassumibile in due parole: Indian Hill. Non riesco a pensare che la sua somiglianza [certo, è la stessa attrice] con la Kringle possa essere considerabile una casualità: primo perché certe cose non accadono mai per caso, secondo perché non sarebbe il primo doppelganger che vediamo in questa stagione.. Eventualmente terzo casomai non vi tornassero i conti sul secondo, se è risorta Fish Mooney perché non può risorgere anche la Kringle? Poi è chiaro che esista anche l’eventualità che sia una semplice coincidenza, magari una seconda occasione di riscatto per Ed dopo Arkham, ma direi di non sottovalutare le altre ipotesi!

Mentre Bruce è alle prese con il suo primo vero appuntamento con Selina e con quanto questo sia strano per entrambi, dall’altra parte della città “Non si muove foglia che l’Ordine dei Gufi non voglia” in quel di Gotham, o almeno viene da pensarlo da quanto detto dalla sua esponente durante il suo incontro con Oswald durante la cena di gala a cui il sindaco ha presenziato, e che ha rischiato di trasformarsi in un caos dalle conseguenze catastrofiche grazie a Jervis e al suo delirio.

Avrete notato un oggetto che ci è stato mostrato tre volte nel corso dell’episodio: prima al dito del padre di Jim, poi tra le mani di Jim e infine al dito dell’interlocutore di Kathryn: l’anello dei Gordon. E qui le domande e le congetture si sprecano: sarà il padre di Jim? Perché si nasconde? Qual è il suo ruolo?
Infine mi è rimasto un dubbio: cosa sarà successo al ‘povero’ Mario, visto che le telecamere hanno più volte indugiato sul cerotto che porta al collo? Che sia stato anche lui vittima di Jervis e del sangue di Alice?

Per finire, come sempre, il miglior ed il peggior momento dell’episodio: come migliore ho scelto quello in cui Barnes mette alle strette Jim ponendolo davanti alla scelta ‘o dentro o fuori’; come peggiore, invece, ho optato per la scenata di gelosia di Mario a Lee.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...