#AgentsOfSHIELD – #Lockup (S04E05)

Ora che sanno cosa cercare, inizia una corsa contro il tempo per trovare il Darkhold prima di Lucy & i suoi fantasmi. Per farlo, si va in carcere e per lo S.H.I.E.L.D. le cose andranno maluccio.

aos-s04

Questa settimana, Agents Of S.H.I.E.L.D. gioca al risparmio e riesce ad ottimizzare un po’ tutte le storie in ballo.

aos-s04e05-5Da una parte, abbiamo la ricerca del Darkhold che unisce ancora di più il Team Coulson, Skye & Reyes ed i Fantasmi, dall’altra viene ripresa la questione degli Inumani che prende una piega un po’ pesante. In più vengono sfiorate tante altre cose (gli accordi di Sokovia, l’attentato a Vienna, Aida…).

Insomma, tutto coperto.

Iniziamo con queste ultime cose. Tutto inizia con il test del poligrafo di Jemma da cui ne esce per il rotto della cuffia quando dopo la domanda circa l’aver ipoteticamente nascosto qualcosa al direttore Mace: ed è proprio lui a richiamarla quando sta per rispondere. Attimi di tensione per il faccia a faccia che si risolve in maniera positiva.

Mace aveva infatti bisogno di Jemma per prepararsi ad un dibattito televisivo con la Nadeer circa gli Inumani ed ha bisogno di avere dati oggettivi inoppugnabili. O, come dice aos-s04e05-2lui, di avere quello che è nella testa di Jemma nella sua: lei pensa ad una cosa letterale ma in realtà lui intendeva uan cosa più semplice, ovvero che lei gli suggerisca cosa rispondere tramite auricolare.

Il direttore Mace è come Ambra. Se siete giovani, non la capirete. Ecco adesso ho l’immagine del cast che balla e canta “Ma come è bello, qui ci piace tanto ma… NON É LO S.H.I.E.L.D…!”

Andiamo oltre che meglio… Il dibattito fila liscio, la senatrice trova risposte preciso alle sue affermazioni populiste (mancava solo urlasse RUSPA!!!) fino all’ultima risposta, quando Mace viene accusato di non essere l’uomo giusto per quel ruolo. Lui chiude la comunicazione con Jemma e va a braccio rivelando in diretta TV di essere un Inumano, oltre a ricordare di esser stato un eroe, citando Vienna e la bomba.

Ed il consenso si impenna! (cit.)

aos-s04e05-3Mace è quindi in una botte di ferro? Beh, non proprio… Il post-dibattito infatti getta una nuova luce su di lui e non è affatto delle migliori. Quando dice a Jemma che dovrà tornare a fare il test, lei tenta il colpaccio e gli parla delle microespressioni e di come queste possa evidenziare le menzogne: dovesse essergli fatta qualche domanda potrebbe dover mentire per non rivelare che quei suoi atti eroici non sono andati esattamente come ha detto.

E per decreto Jemma è esonerata da ogni test del poligrafo a vita. Botta di culo? Faccia di bronzo? Fate voi, ma questo è un bene sia per lei, che non deve quindi rivelare di Aida o delle operazioni segrete di Coulson, sia per lui che così non verrà sputtanato.

Ma soprattuto per noi perchè sappiamo che il direttore è tanto fumo e poco arrosto. Insomma già era fastidioso prima, figurarsi ora che sappiamo che nasconde qualcosa. Voglio sperare che venga rivelato esattamente cosa, perchè mister perfettino merita di essere reso meno perfettino.

Diciamo che la versione fastidiosa di Cap, e non è un caso visto che nel fumetto è stato Captain America (ed anche con il nome di Patriot). Perchè Rogers crede sì nell’America ma non crede poi molto (di certo non al 100% e non a prescindere) se andiamo a vedere gli eventi nel governo.

aos-s04e05Altro peccatuccio che emerge è quello dovuto al ricatto della senatrice Nadeer. Dopo la batosta televisiva lei corre ai ripari e lo convoca mostrandogli un video di quanto successo a Los Angeles: si tratta della missione segreta di Phil con Ghost Rider e Daisy (di cui aveva accennato durante il dibattito). Il documento è pronto a finire sul telegiornale della ABC, ma Mace (sapendo che così il consenso crollerebbe) la ferma chiedendo cosa vuole in cambio. Lo scopriremo più vanti nella serie, magari la prossima settimana.

La questione Los Angeles, appunto. Beh, per farla breve… Quanto accade a Los Angeles… non resta a Los Angeles. Fossimo stati a Las Vegas (ma anche a Las Bengas) poteva andare diversamente. Nella città degli angeli invece le cose per il Team Coulson non vanno esattamente come previsto…

L’idea di Coulson è quella di iniziare una corsa al Darkhold e di arrivarci prima di Lucy Bauer: per farlo bisogna  avere le informazioni che Eli Morrow, lo zio di Robbie, ha in possesso. POrtarlo fuori dal carcere non è un problema a livello assoluto per loro, ma vi pare che uan cosa così semplice possa andare liscia? Ovviamente no, visto che la stessa Lucy è diretta lì.

aos-s04e05-4Nei flashback abbiamo visto come Lucy ed il marito abbiano trovato il libro la prima volta e di come funzioni (è un libro di carta psichica in pratica: è scrito nella lingua madre di chi lo legge) ma ora che è un fantasma Lucy non può più farlo, e quindi Morrow può fare da tramite ed in questo modo ridarle forma corporea.

Per il Team Coulson, come detto, non sarà una passeggiata. Dopo aver raggiuto il diretto del carcere, Phil e May vengono attaccati da lui e da alcune gaurdie, in preda ad allucinazioni: deve intevenire quindi Mack con Reyes e Daisy (e altri agenti di contorno) per liberarli, ma la situazione degenera ulteriormente perchè se Skye riesce a recuperare i due agenti, Mack e Robbie vanno verso le celle: il Ghost RIder però fatica a contere la sua rabbia davanti all’ormai ex capo di una gang, responsabile della sparatoria in cui è rimasto coinvolto il fratello di Robbie.

Trovato Eli, l’uscita dal carcere in piena rivolta ormai, grazie anche al fatto che Lucy ha aperto le celle, si rivela difficoltosa, e qui Reyes compie un errore non da poco: dice allo zio di andare avanti, troverà lo SHIELD ad attenderlo, lui sarà subito dietro di lui. Eli scapperà, minacciato da Lucy, su di un ambulanza, mentre lui farà visita la capo della gang… e lo brucerà dopo aver avuto alcun informazioni.

Nello specifico:

  • Ricorda bene cosa accadde (due ragazzini, un’auto in fiamme, la sparatoria)
  • Non è stato lui ad ordinare la sparatoria
  • Non sa chi è stato ad ordinarla perchè era già in carcere (gli unici a saperlo sono quelli che Robbie ha uccisoaos-s04e05-6
  • Lui è riformato, non vuole più aver nulla a che fare con la vecchia vita (ma ovviamente per il Ghost Rider non è abbastanza).

L’altra parte del team si occupa come detto di mettere in salvot Phil e May. Anchr qui le cose vanno in vacca quando si trovano a dover passare per un barccio della prigione in cui sono tenuti i Watchdogs solamente. L’apertura delle celle fa partire la caccia allo SHIELD, con Skye che decide di rimanare indietro per il suo ormai consolidato masochismo.

Ovviamente Skye verrà portata in salvo prima che potesse esser tardi dall’intervento di Coulson e May, tornati indietro.

Molto buone qui le scene di lotta. Ben riuscite e fatte davvero bene.

aos-s04e05-7La puntata non è stata affatto male, e ci ha lasciato con qualche domanda in più circa il nostro Ghost Rider. Se da una parte abbiamo infatti la certezza che lo spirito della vendetta si “attiva” e non sia facile per lui gestirlo (anzi), dall’altra su quanto successo al fratello getta uan serie di dubbi: chi voleva quell’agguato e perchè?

In più c’è la questione di Eli Morrow, che nasconde di certo molto più di quanto immaginiamo.

Decisamente il cambio di timeslot ha fatto bene alla serie, avanti così.

Pensieri Sparsi

  • Non so se l’ho detto in passato, ma voglio la shotgun-axe.
  • Daisy in gran forma questa settimana. E sempre più gnocca.
  • Se vi è sfuggito, il capo della gang stava leggendo un libro di King prima di diventare parte di una grigliata: Pet Sematary, uscito nel 1983
  • Interessante come nello scantinato dove è tenuto il Darkhold ci sia un poster (The  Quentin Carnival) che ricollega a Johnny Blaze, il primo Ghost Rider (Nicholas Cage al cinema in 2 film trascurabili).
  • La senatrice gioca sporco, ma attenzione: rimarrà col cerino in mano.
  • Non sorprendetevi se Jemma diventa direttrice dello S.H.I.E.L.D. anche se per una manciata di puntate.
  • Se non accadesse, aspettatevi che Mace prenda decisioni spinto da lei. Tipo inserire nel team Reyes e riammettere Daisy.
  • Se Daisy mi chiamasse come ha richiamato l’attenzione dei Watchdogs, sarei un uomo più felice. Diteglielo.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...