#SuperGirl – The Last Children of Krypton (S02E02)

Con Superman ancora a National City, Cadmus sferra il primo attacca della sua lotta ai Kryptoniani.

supergirl

La guerra ha inizio. Ecco, cosa dire di questa puntata: la guerra in questione è quella tra Cadmus e il DEO (più Superman).

supergirl-s02e02-3Come previsto, esce di scena (per quanto?) Cat Grant. Non poteva essere altrimenti visto il  cambio di budget e di sede: la cosa viene gestita bene anche se farlo in due in puntate può sembrare qualcosa di affrettato. Ecco a cosa serve scrivere le scene in maniera semplice e lineare senza troppi drammi: ad evitare castronerie.

Kara diventa da questa puntata una reporter, ed ovviamente il suo nuovo capo, Snapper Carr, è uno stronzo. Non la accetta, non la vuole e la vede come una imposizione della Grant e riversa su Kara qualunque forma di odio possibile, per quanto sia condivisibile l’obiezione fatta sulla questione carriera: lei dice di aver scelto di fare la reporter, lui controbatte che non si sceglie, lo si diventa. E lei non lo è.

E non lo vedo come un concetto difficile da capire per Kara: lei non ha scelto di essere Supergirl, lo è e basta.

supergirl-s02e02-2Detto questo, Snapper Carr risveglierebbe istinti di violenza anche in Gandhi. Ma che dico violenza, ultraviolenza!

Poichè non c’è due senza tre, ecco il terzo grande cambiamento: la CatCo ha un nuovo CEO, per quanto ad interim, e la scelta è alquanto sorprendente visto che si tratta di… Jimmy Olsen. Stando a quanto dichiarato dai produttori, non sarà il solo cambiamento per lui in questa stagione (diventerà anche lui un eroe): non credo che possa durare molto come nuovo CEO, mi apsetteri qualche manovra losca per per prendere il controllo della CatCo e far fuori un po’ di gente, evento che potrebbe comunque legarsi alla futura identità supereroistica.

Pure questa settimana abbiamo avuto come ospite Superman e le mie sensazioni sono confermate: è davvero un buon Superman. Tanto da meritarsi una serie tutta sua? Non, non credo ed il motivo è ovviamente Supergirl: avere due eroi fin troppo simili è una mossa suicida. Ed infatti leggo che c’è chi la vorrebbe, tra i fans, questa serie.

supergirl-s02e02Anche questa settimana la chimica tra i due kryptoniani c’è, le battute pure, il lavoro di squadra non mette in ombra nessuno dei due: un sapiente lavoro di bilanciamento e scrittura fatta da gente che evidente ha a cuore il personaggio e la serie. Kara è la prima supereroina che vediamo in solitario sul piccolo e sul grande schermo e non ci si può permettere di fare passi falsi: è un personaggio che deve dare al pubblico femminile una alternativa allo “sbavare” davanti al supereroe di turno. Sia chiaro, non dico che sia la regola, ma dubito che le ragazze guardino, anzi abbiano iniziato a guardare, Arrow per motivi che esulino dai pettorali di Amell o la solita storia d’amore conflittuale e complicata.

Supergirl, ed è questo il suo difficile compito, deve potersi “imporre” come modello se vogliamo, dimostrare che non solo noi maschietti possiamo/dobbiamo essere eroi. Sarà banale, sarà politicamente corretto, sarà quel che volete, ma è comunque un aspetto da considerare: e questo non vuol dire che deve chiamarsi Superwoman come ha sbraitato Miley Cyrus (che ha smesso di essere rilevante, se lo è mai stata, quando si è introionita) la scorsa settimana parlando di sessismo e rivelando di non sapere di cosa parli. Anche perchè vorrei ricordare che esiste pure Superboy.

Ad ogni modo, torniamo alla puntata. supergirl-s02e02-4

Metallo è durato poco, e questo è un problema che c’era già la scorsa stagione: l’incapacità di avere villain realmente efficaci e duraturi. Metallo, aessendo alimentato dalla Kryptonite meritava di essere un villain da rivedere anche in altre puntate, soprattuto se legato alla guerra tra Cadmus e DEO. Invece resta lì, impalato.

Ed è doppiamente un peccato perchè i due kryptoniani erano in difficoltà veramente sia per il loro punto debole sia per il fatto che ci sarebbe stato un doppio attacco: National city e Metropolis. Poi l’idea, tanto semplice quando efficace: l’unione fa la forza, così a Metropolis vanno Superman e Martian Headhunter, a National City restano Kara ed Alex con un’armatura potenziata.

In più viene risolto il problema della fiducia tra Kal El e J’onn J’onzz, rimarcando quindi come Kara abbia doti da leader, rafforzate poi se pensiamo a quel “Io sono con lei” di Superman. C’è chi ci ha letto addirittura un riferimento a Batman V Superman (nella scena contro Doomsday, quando si presenta Wonder Woman) o persino alla Clinton: non arrivo a tanto, mi sembrano delle grandi forzature.

Ulteriore sottolineatura di quello che si è definito per anni “girl power” è lo sfogo di Kara con Cat, quando le dice di come Carr sia stato cattivo con lei. La Grant le dice di dirar fuori le palle e farsi valere, di non chiedere aiuto, di dimostrare quanto vale: e quando Jimmy le offre il suo aiuto in qualità di nuovo CEO, lei pure potendo approfittarne rifiuta garbatamente, perchè non ci devono essere scorciatoie, ma bisonga farsi valere ed imporsi col lavoro.

Belle parola ma utopistiche/banali? Fino ad un certo punto, perchè il lavoro ripaga sempre alla lunga. supergirl-s02e02-5Certo, magari prima che una vada in pensione sarebbe meglio, siamo d’accordo… ma chiedere favori, raccomandazioni… non è il modo migliore per farsi rispettare.

Insomma, buona pure la seconda puntata. Ora non resta che scoprire chi sia e cosa vuole il misterioso alieno recuparato la scorsa settimana e risvegliatosi nel finale di questa. Ora diteci qualcosa di più su Cadmus, ok?

Pensieri Sparsi

  • Con tutto il rispetto per il buon Jimmy… ma promuovere a CEO un fotografo arrivato lì da un anno?
  • Lodiamo Winn. Ci potrà dare grandi gioie e divertimento questa stagione. La versione maschile di Felicity.
  • A proposito di Winn, spero che l’armatura antikryptonite venga potenziata.
  • Ci volete dire cortedesemente qualcosa di più su Cadmus?
  • supergirl-crisisUna chicca il riferimento fumettistico a Crisi sulle terre infinite.
  • Possiamo avere un’armatura più grande per Alex?
  • Ancora complimenti a chi ha scritto il commiato di Cat grant. Semplice, dritto al punto e con quel sentimento giusto.
  • Clark che sbaglia a mandare il messaggio e dice a Perry che gli è mancato è stato il massimo dell’imbranataggine. Questo è il Clark Kent che vogliamo. E pure il Kal-El. Senza nulla togliere a Cavill al cinema, sia chiaro.
  • Ho deciso che userò Jiffy come unità di misura del tempo. Devo studiare bene come introdurlo però…
  • Date il premio demente del secolo al rapinatore che che dopo aver sparato senza successo a Superman, prova a darlgi un pugno. Genio puro.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...