Supernatural – Alpha and Omega (S11E23) #Spn #Season Finale

Ci siamo.

Siamo arrivati alla fine di questa undicesima stagione che, almeno per la sottoscritta, risulta essere una delle migliori mai create dalle menti degli sceneggiatori.

Iniziata con il botto e finita con un altro botto, Supernatural si conferma un prodotto che può ancora dare molto, nonostante le parole di “troppi” detrattori, mascherati da fan integerrimi. Ed è a loro che dedico questa ultima recensione della stagione ed un piccolo monito:
“Se non vi piace, non guardate. Nessuno vi punta una pistola contro e vi obbliga a farlo. Sono la prima a dire che negli anni scorsi ( la stagione 6 e 7 sopra tutte) qualcosa era andato storto tra gli sceneggiatori. Ma quest’anno le cose sono cambiate e la differenza è ben visibile. Per cui…iniziamo ad essere coerenti anche nel vedere le cose in positivo”

Prima di passare alla recensione vera e propria, vi consiglio di fare un salto sulla nostra Pagina Facebook.

SPNSeasonFinale

Con Chuck moribondo ed Amara pronta a dare il via alla Fine, ritroviamo i nostri eroi a fare la conta dei danni e ad analizzare la situazione: hanno perso su tutti i fronti.
L’attacco ai danni di Amara è fallito. Angeli e demoni, uniti alla forza di Lucifero ed all’intenzione di Dio di rinchiudere Amara, non sono stati sufficienti a porre un freno alla natura distruttiva dell’Oscurità. Anzi…hanno aumentato il suo desiderio di vendetta e la sua voglia di distruggere tutto ciò che Dio ha creato con tanto amore.
Cosa fare dunque?
Dean e Crowley sembrano avere le idee chiare: ubriacarsi e lasciarsi andare.
Che altro potrebbero fare, visto che Dio sta morendo ed il sole insieme a lui?

Il mondo entra nel caos – come era prevedibile – e dalle parti dell’Europa, qualcosa sembra smuoversi.
Ci viene mostrata Londra, dove i Men Of Letters ( ebbene si, esistono ancora e sono ancora attivi e piuttosto stronzi) inglesi, scelgono di inviare qualcuno a Lebanon per risolvere la situazione e…ci arriveremo dopo.
Sappiate solo che avremo una nuova British Bitch da detestare. Mi manca Bela, sappiatelo. Almeno lei aveva i suoi buoni motivi per essere una stronza e Lauren Cohan era una gran gnocca.

Sam non sembra deciso ad abbandonare la corsa per salvare il mondo. E nonostante la rimostranza iniziale di Dean – e di tutti gli altri – riesce a mostrare un po’ di buon senso ed a risvegliare lo spirito combattivo della “truppa”.
Con Lucifer fuori dai giochi – non credo sia morto, credo che Amara lo abbia spedito da qualche parte -ed il ritorno di Castiel, assistiamo ad una meravigliosa scena tra l’angelo e Dean. Dove Dean confessa all’amico di considerarlo alla pari di un fratello e di aver compreso le motivazioni del suo “si” a Lucifer.
In fin dei conti Lucifer ha davvero tentato di dare una mano. Pagando – forse – con molto più dolore di quanto meritasse.

Nel Bunker si continua a cercare una soluzione valida.
Amara non può essere imprigionata poiché non servirebbe a nulla. Dio sta morendo e la sua morte, comporterebbe comunque la fine dell’esistenza. Non in quanto Dio, ma in quanto fine della Luce e vittoria dell’Oscurità. Il sole si sta spegnendo e l’umanità non potrà sopravvivere al buio eterno.
Ed allora?
L’unico modo per scongiurare questo epilogo è quello di uccidere Amara. Luce e Buio morti, sarebbero un perfetto equilibrio.
Dio acconsente – anche se a malincuore – ma per farlo, servirà un’energia paragonabile a quella di innumerevoli Supernova.
Chuck non può generarne, poiché debole, ma le anime  -grande Castiel – sono una fonte tale da eguagliare quelle di innumerevoli stelle.
Castiel sceglie di andare in Paradiso per cercare anime, Crowley fa lo stesso e i Winchester si recano a Waverly Hills ( il posto più infestato degli USA) per fare incetta di defunti.
Tutto sembra andare per il meglio, sino a che gli angeli rifiutano di fornire il loro aiuto e i demoni fanno altrettanto.
Crowley e Castiel tornano a mani vuote, mentre i Winchester arrivano con qualche centinaio di anime.
Ma non sono sufficienti.
In aiuto, fortunatamente, giunge Billie! Incuriosita dall’incetta di anime dei Winchester, sceglie di schierarsi dalla loro parte di fornire loro tutte le anime di cui necessitano, per fermare l’Oscurità.
E non perde tempo neanche nel flirtare con Crowley. I ship it.

Le anime ci sono.
Una soluzione anche.
Ma come utilizzarle?
Semplice: costruendo una vera e propria bomba da fare saltare in prossimità di Amara.
Ma c’è un solo piccolo problema: dovrà essere Dean a portare la Bomba.
O meglio: Dean stesso sarà la bomba.

Solo lui possiede un profondo legame con Amara e solo lui potrebbe avvicinarsi così tanto, da permettere alla bomba di distruggerla. Ma un avvenimento tale distruggerebbe anche lui ed il ragazzo sembra esserne più che consapevole.
Il mondo è in pericolo e sta finendo. Tutti coloro che ama sono destinati a morire. Quindi?
Quindi il nostro Dean accetta e si prepara all’ennesimo e permanente sacrificio.
Le anime vengono inserite nel suo petto ed il nostro Winchester si trasforma in una sorta di bomba ad orologeria ambulante.

Il discorso di addio fra i due fratelli, avviene di fronte alla lapide di Mary Winchester.
Un discorso che prevede l’estremo tentativo di Sam di fermare il fratello e trovare insieme una nuova soluzione, meno suicida. Ma non esistono altre soluzioni.
Dean chiede a Castiel di stare accanto a Sam una volta appurata la sua dipartita e di non permettergli di fare stronzate. E Castiel si offre volontario per accompagnarlo in quel suicidio consapevole, ottenendo però un rifiuto.
La resa dei conti è arrivata e con essa la probabile fine di Dean.

Chuck localizza l’ubicazione di Amara ed invia Dean sul posto, con la genuina sorpresa della donna.
Il gruppetto di sopravvissuti si rifugia all’interno di un bar e mentre Crowley preferisce ubriacarsi, Rowena tenta di flirtare amabilmente con Chuck.

Dean e Amara iniziano il loro confronto diretto e la donna comprende sin dal principio cosa Dean nasconde in se.
Inaspettatamente non appare rabbiosa o vendicativa. Appare come una ragazza vulnerabile e ferita, gelosa delle attenzioni che il proprio fratello ha riversato sulle sue creazioni.
E Dean, forse toccato sul vivo da quel suo discorso , sceglie di non farsi esplodere immediatamente ma di portare la donna a riflettere ed a pensare cosa voglia davvero.
E tutto ciò che Amara desiderava davvero era di poter tornare ad essere una famiglia.
Di poter tornare ad essere come un tempo e di poter avere suo fratello come all’inizio delle loro esistenze.
Chuck si ritrova faccia a faccia con la sorella ed i due, dopo un commovente confronto, risolvono le loro divergenze tornando ad essere una vera famiglia.
Amara ristabilisce la salute di Chuck ed il Sole torna a splendere sull’umanità.

Ma…nessuno, oltre Chuck, è a conoscenza della buona salute di Dean.
E per Sam, ignaro della cosa, il ristabilirsi del sole significa solo una cosa : Dean è morto per salvare tutti loro.
Il ragazzo, insieme a Casiel, torna al Bunker.  Ma ad attenderli vi è la nostra British Bitch, che non contenta di spedire Castiel in Paradiso mediante un sigillo, rivela a Sam di essere giunta a Lebanon per arrestarlo.
Fatemi comprendere: queste teste di cazzo – scusate il termine – inglesi, si sono svegliate ora e hanno avuto il culo protetto da poltrone in taffetà, mentre Dean e Sam cacciavano e salvavano il mondo dalla peggiore merda, e ritengono opportuno arrestarli e giudicarli colpevoli di cosa?!? Di aver difeso la Terra mentre loro si ingozzavano di tea?!?
Sam tenta di fare ragionare la donna che…gli spara.
Non sappiamo la sorte di Sam, ma ritengo non si affatto morto. Ritengo che la stronza lo abbia trascinato in Inghilterra e che – tra non molto- riceverà la visita di un cacciatore incazzato e di…ci arriveremo ora.

Dean, ancora insieme a Chuck e ad Amara, viene “curato” da Chuck che estrae le anime dal suo petto e lo rende “innocuo”.
Fratello e sorella sono pronti ad andarsene insieme e a ricominciare la loro esistenza, fianco a fianco, come una vera famiglia. E Chuck, rivela a Dean, che la Terra sarà sempre al sicuro fino a che esisteranno lui e Sam.
Ma è ad Amara che spetta la parte migliore dei ringraziamenti.
La donna, grata a Dean per averle donato ciò di cui aveva bisogno, rivela al cacciaore di volerlo premiare in egual modo.

Donando lui ciò che di cui ha più bisogno da sempre.
Menre Chuck e la sorella si dissolvono nella volta celeste, finalmente riuniti, Dean si ritrova a vagare nel bel mezzo della vegetazione, chiedendosi dove accidenti sia finito.
La voce di una donna lo porta a raggiungere uno spazio aperto e il ragazzo si trova faccia a faccia con il regalo di Amara: Mary Winchester viva e vegeta.

Permettetemi di dire che ho AMATO questa season finale.
Perché ci ha riportato alla tematica principale della serie : la famiglia e l’importanza di essa.
Se la stagione si fosse chiusa con la morte di Amara , probabilmente il finale non avrebbe avuto un impatto emotivo di tale portata.
Ho amato ogni singola parte dell’episodio, ma in particolar modo ho amato il discorso di Dean riguardo la famiglia.
Chi meglio dei Winchester può comprendere quanto sia difficoltoso e doloroso il rapporto fra fratelli?!?
Chi meglio di loro può comprendere quando sia importante avere la famiglia al proprio fianco?!?
Era inevitabile che fosse proprio Dean a farla ragionare.
Ed il colpo di scena finale è stato in grado di farmi saltare dalla sedia e di farmi urlare dalla gioia.

Ora non ci resta che aspettare Ottobre – non ce la farò – per sapere quale sarà la sorte di Sam.
E sono quasi certa che i Men Of Letters inglesi, avranno non pochi problemi quando Dean e una ritrovata Mary, comprenderanno ciò che hanno fatto.
Cosa può esserci di più pericoloso di un fratello incazzato e di una madre furibonda?!?

Nella speranza di non avervi annoiato, mi congedo e vi do’ appunamento ad Ottobre con la Dodicesima stagione di Supernatural!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...