#CaptainAmerica: #CivilWar – La Recensione #TeamCap

Il terzo capito di Captain America è uscito nelle sale e ha sconbussolato l’universo Marvel. Ecco a Voi Civil War. Da che parte state voi?

captain-america-civil-war

Non era il cinecomic più atteso dell’anno (ma quasi) e sicuramente è stato quello meno invasivo dal punto di vista del battage pubblicitario, anche se per esserlo meno di Batman V Superman non era difficile. Il terzo film di Captain America è uscito nelle sale ed ha scosso pesantemente il Marvel Cinematic Universe, forse non quando la Civil War in fumetto (che vi esorto a recuperare) ma lo ha comunque fatto.

E come da una certa tradizione marvelliana, non manca il messaggio politico anche se meno forte rispetto al fumetto.

Diciamo subito che non è una pellicola perfetta, avendo ad esempio il solito problema del cattivo che non viene ben caratterizzato. Un difetto che qui passa però in secondo piano o quasi perchè Zemo in realtà (così come Crossbones) non rappresenta il fulcro della pellicola, ma è “solo” colui che da il via agli eventi: l’interesse è tutto sullo scontro tra Cap e Stark, non tra Cap ed il cattivo.

Quindi Cap è il buono e Stark il cattivo? Sì e no. Come nel fumetto io sto dalla parte di Cap (ma lì era più facile), ma sia l’uno che l’altro hanno ragione non essendo polarizzati e radicalizzati nelle loro convinzioni morali.

captain-america-civil-war (6)Come nel fumetto con la strage di Stamford, anche qui il via lo sia ha da una strage di innocenti causata da un incidente: nel fumetto era uno scontro che vedena Speedball esplodere e radere al suolo una scuola (612 vittime di cui 60 bambini) mentre le telecamere riprendevano le azioni per un reality show, qui viene provocato da Wanda che per salvare Cap (in missione con Falcon e Vedova Nera) dall’esplosione suicida di Crossbones usa i propri poteri ingabbiando quest’ultimo ma portandolo ad esplodere contro un palazzo uccidendo una delegazione di pace del Wakanda.

L’ondata di indignazione mondiale, con la spinta politica presso l’ONU proprio del Wakanda, porta ad una decisione che divide gli Avengers: non potranno più essere un’organizzazione privata ma dovranno rispondere ed intervenire solo sotto il controllo dell’ONU aderendo a quelli che vengono chiamati gli “Accordi di Sokovia”.

A capo del comitato che viene creato per questo, un volto che abbiamo già visto: il genere Ross. Detto che così viene rese definitivamewnte canonico il film con Hulk, capite anche voi che mettere a capo un generale che ha un conto aperto con uno degli Avengers (attualmente svanito nel nulla) non è proprio una mossa super partes, ma il vero punto della questione è il solito: chi controlla i controllori?

Questo è sostanzialmente il grande dubbio che spinge Cap a non firmare l’accordo (seguito da Falcon): se l’ONU decidesse di mandarli a lottare dove non vogliono o viceversa impedissero loro di intervenire? Cap dice che se c’è un’ingiustizia non può restare a guardare. captain-america-civil-war (8)

Per trasportarlo nel concreto: se impedissero agli Avengers di intervenire contro l’ISIS? O se li usassero per sopprimere una rivolta contro una dittatura amica perchè è più conveniente? O per affondare dei barconi di profughi? O peggio ancora, per attaccare uno stato creando un falso attentato affinchè questo si schieri a favore degli accordi di Sokovia (a cui non tutti gli stai aderiscono nel film)?

Dall’altra parte abbiamo quindi Stark che si dice a favore degli accordi facendo forza sulla necessità di regole e sul prendersi la responsabilità delle proprie azioni: regole che lo stesso Stark dice che verranno in seguito ridiscusse per giungere dove? Alle osservazioni che fa Cap.

Va inoltre detto che se un Avenger agisse in contrasto agli accordi di Sokovia, verrebbe considerato un criminale. Cosa che avviene dopo l’attentato che viene compiuto presso la sede dell’ONU a Vienna dove vengono presentati gli accordi, un attentato che viene compiuto stando ai media dal Soldato d’Inverno e nel quale viene ucciso T’Chaka, il re del Wakanda: con questo evento, il figlio T’Challa decide di dare la caccia al responsabile nei panni di Pantera Nera, il protettore del Wakanda.

Ovviamente Cap non crede che Bucky sia il vero responsabile ed inizia a cercarlo trovandolo in Romania (stato che NON aderisce agli accordi) grazie ad una soffiata di Sharon Carter e dove si scontra proprio con T’Challa: verrà arrestato anche il principe del Wakanda in quanto non registrato all’interno dell’accordo da Iron Man e dalla taskforce internazionale antiterrorismo.

Le cose non sono però come sembrano, e qui i fatti danno ragione una volta di più a Cap perchè bisogna sottolineare alcune cose, ovvero che  Stark e la taskforce hanno agito sul territorio di uno stato sovrano che non aderisce agli accordi per cui intervengono: una violazione per cui però non affrontano le conseguenze perchè… beh “sono i buoni”.captain-america-civil-war (7)

Bucky nega di aver compiuto l’attentato, pur avendo problemi con la sua memoria: ed effettivamente è così, non è stato lui. Si è trattato di un diversivo per arrivare proprio a lui ideato da Helmut Zemo, un sokoviano in cerca di vendetta.

Come vedete la visione di Cap è giusta e più realistica di quella di Stark, che ha avuto “l’illuminazione” dalla foto datagli dalla madre di un ragazzo morto nell’incidente in Wakanda, una visione che è molto più idealistica di quella di Cap.

Abbiamo quindi un’inversione dei ruoli: l’uomo che rappresentava un ideale diventa realista, quello che che era più realista e pragmatico fa il percorso inverso. C’è anche un’altro esempio di inversione: nel primo Avengers fu Tony a capire come trovare Loki scoprendo il suo piano, mentre qui è Steve che capisce come Bucky sia finito in una trappola.

Zemo infatti dopo aver recuperato un libro del KGB con le parole in codice per “attivare” Bucky si è sostituito alla psicologo che doveva farne la valutazione per la taskforce ricavando le informazioni riguardo dove si trovino gli altri Soldati d’Inverno creati (e tenuti in stasi criogenica).

Captain-America-Civil-War (4)Dopo una lunga battaglia all’aeroporto con cui ha di fatto il via questa guerra civile, Cap e Bucky giungono in Siberia. Gli altri del Team Cap? Arrestati e portati nel Raft, una prigione di massica sicurezza in pieno oceano progettata da Stark, il quale vedendo i suoi amici inizia a mettere in dubbio il fatto di essere nel giusto.

Gli arrestati sono:

  • Wanda Maximoff: liberata dal confino all’interno della base dove l’ha costretta Tony sotto il controllo di visione;
  • Occhio di Falco: liberatore di Wanda, ha deluso i figlio che stavano dalla parte di Tony
  • Falcon: protagonista di uno scontro con War Machine
  • Antman: assoldato da Falcon come nuovo membro del gruppo, lo abbiamo anche visto diventare Giant Man.

Dall’altra parte abbiamo invece:

  • Visione: innamorato (è evidente) di Wanda, è la causa involontaria di un grave incidente per War Machine ed è l’unico ad dare delle motivazioni logice per aderire agli accordi (anche se non sono conclusive).
  • Vedova Nera: tradirà il team permettendo la fuga di Cap e Bucky bloccato Pantera nera
  • War Machine: colpito dal raggio di Visione, precipata in volo riportando lesioni spinali serie. Non metterà mai in dubbio la bontà degli accordi.
  • Pantera Nera: schierato con Stark essenzialmente per catturare Bucky
  • Spiderman: il nuovo e giovane elemento assoldato direttamente da Tony che gli fornisce un costume migliore di quello che sta usando da un po’.

Captain-America-Civil-War (3)Proprio Spidey era il personaggio più atteso visto che è già alla terza incarnazione. Ha avuto molto spazio ed un ruolo di primo piano nella battaglia scontrandosi pure con Cap in un derby di New York (Queens vs Brooklyn), mostrandosi chiacchierone come nel fumetto, e con un signor costume. Se anche in Homecoming (sarà il titolo definitivo?) verrà tenuto questo tenore, non ci saranno rimpianti.

Ho solo due dubbi sulla sua parte nel film ovvero come sia tornato a casa dalla Germania dopo lo scontro (lasciato lì da Stark, che subito però si preoccupa che stia bene) e come pensì di tenere nascosta la propria identità se aderisce agli accorid di Sokovia visto che la sua preoccupazione è quella di non far sapere alla zia May (la sempre apprezzabile Marisa Tomei) di essere un supereroe.

Nella ricerca di Buck e Cap, Stark (dopo aver scoperto che il Zemo si era cammuffato da Soldato d’Inverno) avrà un ripensamento sugli accordi capendo che non sarà facile cambiarli come pensava: il generale Ross infatti si rivela essere lo stronzo che avevamo già conosciuto e così Tony, saputa la destinazione da Falcon dopo aver disattivato l’audio all’interno del Raft vola in Siberia a sua volta seguito da Pantera Nera.

Ed è qui in Siberia che emerge la pochezza di Zemo come cattivo (agisce per vendetta nei confronti della sua famiglia morta in Sokovia), ma come detto lui era solo un pretesto. Zemo infatti aveva solo un interesse, quello di far crollare gli Avengers: troppo potenti per essere sconfitti da un nemico, quidni ha voluto fare che crollassero dall’interno. La sua è stata tutta una messinscena, non voleva come tempevano Stark, Bucky e Cap creare uno squadrone della morte di Soldati d’Inverno (ed infatti li uccide tutti) voleva solo che arrivassero lì  e vedessero il video della morte dei genitori di Tony: un omicidio compiuto da Bucky e di cui Cap era al corrente ma su cui ha taciuto con l’amico.

Captain-America-Civil-War (2)Qui è dove inizia lo scontro vero tra Cap e Tony, mentre T’Challa si occupa di Zemo avendo scoperto che il colpoevole è Zemo ma decide non ucciderlo, non volendo essere consumato anche lui dalla vendetta e gli impedisce di suicidarsi: come però dice lo stesso Zemo, lui ha vinto perchè gli Avengers si stanno scontrando e si sono divisi.

Non finisce come ci si aspetterebbe a tarallucci e vino, con la cancellazione degli accordi però. Tony resterà a terra dopo un lungo scontro soprattutto con Cap (che prende le difese di Bucky, un’altra inversione di ruoli) e prenderà un po’ le distanze da Ross e dalla sua struttura aiutando Rodey a tornare a camminare, mentre Cap… beh Cap farà irruzione al Raft e libererà i compagni per poi mandare un messaggio (consegnato tramite corriera dall’immancabile Stan Lee che chiede di Tony Stank, ovvero Tony Puzzone) con cui lo invita a chiamarlo se ne avrà bisogno avendo capito che stanno dalla stessa parte, contro Ross (che quando chiama Tony viene messo in attesa).

Bucky? Beh per lui il finale è un po’ amaro. Non potendo ancora rimuovere il condizionamento mentale fattogli, viene congelato nuovamente fino a quando non ci sarà la possibilità di curarlo: ad occuparsi di questo sarà un ravveduto T’Challa che lo terrà, con l’ok di Cap, in un laboratorio molto avanzato nel Wakanda.

Quindi cosa è cambiato? Più di quanto sembra perchè tutto il Team Cap è ricercato, gli eroi devono registrarsi se voglio intervenire e questo l’aspetto impatterà maggioramente Agents Of S.H.I.E.L.D. come vedremo a breve.

Di fatto ci troviamo ad avere due squadre di vendicatori: quelli che nel fuemtto erano definiti New Avengers (Cap, Falcon, Wanda, Ant-Man e Occhio di Falco) e i Mighty Avengers (Tony, Visione, War Machine, Spidey). A questi due poi dobbiamo aggiungere Vedova Nera, Pantera Nera, Hulk e Thor il cui status effettivo non è esplicitato (lo è solo parzialmente quello di Nastasha). Senza contare Nick Fury ovviamente, il team di Coulson, gli eroi di Hell’s Kitchen ed i prossimi nuovi eroi come Strange, Wasp (che dovrebbe essere Team Cap comunque) e via discorrendo.

Captain-America-Civil-War (5)Dopotutto l’avevano promesso che il film avrebbe cambiato le carte in tavola. Lo ha fatto ma senza per fortuna i danni della civil war cartacea, che si concluse con i Vendicatori ricercati, Cap ucciso da Sharon (sotto controllo mentale), un clone di Thor fuori controllo e un team di supereroi per ogni stato (La 50 State Initiative).

Nel complesso il cinecomic è buono (7.5), sicuramente migliore del grande evento della Distinta Concorrenza (il confronto è inevitabile) ma non è secondo me il migliore film della Marvel: The Winter Sodlier gli è superiore perchè esce dal cinecomic ed più thriller politico.

PS: voglio uno spinoff con Spidey, Ant-Man e Deadpool. Fatelo vi prego. Posso accettare Occhoi di falco al posto di ‘Pool se la FOX non molla.

Un pensiero su “#CaptainAmerica: #CivilWar – La Recensione #TeamCap

  1. Pingback: Serial Connection – The #Marvel Cinematic Universe #MCU | TV And Comics

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...