#AgentsOfSHIELD – Parting Shot (S03E13)

Missione molto delicata in Russia per lo S.H.I.E.L.D. sulle tracce di Malick: riusciranno a fermarlo prima che sia troppo tardi, o almeno a rallentarlo?

Agents Of SHIELDNon dimenticatevi della nostra affiliata, Serie TV, La Nostra Droga.

Abbiamo lasciato Bobbi e Lance all’interno dell’aero di Malick in volo verso la Russia e la location per lo stato degli Inumani: per loro la situazione degenera in maniera rapidissima.

Giunti in Siberia, restando in contatto con il resto del team, seguono Malick e Petrov  presso una centrale in disuso: se l’idea di Hunter è di colpire ed uccidere Malick ponendo così fine alla questione, Coulson è di idee diverse perchè si creerebbe un casino di proporzioni bibliche.

I due si limitano quindi ad osserva a distanza gli spostamenti arrivando ad una centrale in disuso doveAgentsOfSHIELD - S03E13 (2) però… vengono scoperti: dopo aver messo fuori gioco i soldati, si infiltrano così nella struttura vestiti da militari russi assistendo in prima persona ai colloqui tra Petrov e Malick, rendno partecipi della cosa anche il resto dello S.H.I.E.L.D. grazie alle trasmittenti.

Scopriamo così che il primo ministro russo non è a favore del progetto di Petrov ed ha inviato un suo delegato a fermare il tutto: delegato che è stato ucciso sul posto, perchè l’opposizione al primo ministro è molto determinata ad andare avanti e farà patire la stessa sorte a lui una volta che arriverà sul posto, grazie all’aiuto di un Inumano dalla loro parte, ovvero il ministro della difesa, il primo politico Inumano di cui si abbia traccia.

Il suo potere? Può usare la propria ombra per attaccare, dandole vita propria: praticamente impossibile da fermare, ed infatti lo S.H.I.E.L.D. si trova in seria difficoltà a salvare la situazione, visto che ersino Mack viene messo KO dal ministro.AgentsOfSHIELD - S03E13 (3)

A salvare la situazione ci penserà Bobbi raggiugne il ministro ed aprendo il fuoco su di lui uccidendolo: l’obra svanisce, il primo ministro è salvo… solo che ora per Bobbi e Hunter, raggiunti da altri militari le cose si complicano notevolmente.

Dopo un lungo interrogatorio (durante il quale non tirano mai in ballo lo S.H.I.E.L.D.), grazie anche all’intervento del presidente degli USA e dell’Interpol, i due evitano il plotone, ma la tensione tra USA e Russia è alta: ambo le parti sanno che è in coso una nuova corsa agli armamenti e questa volta si tratta di Inunami. E come se non bastasse, il primo ministro russo sa che lo S.H.I.E.L.D. è ancora attivo.

La via d’uscita ha un prezzo molto alto per Coulson ed il suo team: Bobbi e Lance accettano l’accusa e sono pronti ad andare in carcere, ma Phil estrae l’asso dalla manica dopo aver parlato con loro dicendo al primo ministro che quei due cittatadini americani hanno sventato un colpo di stato salvandogli al vita e quindi potrebbe essere rilasciati e mandati a casa.

Cosa han fatto capire i due a Phil? Che erano pronti a sacrificare la loro carriera nell’agenzia e tornare alla vita civile per non compromettere la guerra a Malick.

Una decisione che non piace al resto del team ma che giocoforza deve essere accettata: mentre Bobbi e Lance sono in un bar a bere e programmare il loro futuro, ricevono un drink offerto dopo l’altro. AgentsOfSHIELD - S03E13

Gardandosi attorno vedono Jemma, Fitz, May, Daisy, Mack e Phil che brindano con loro: è l’addio delle spie.

COMMENTO

Se dovessi dire che questa è stata una puntatona, mentirei. Non è stata brutta, ma non ha offerto nulla, e non poteva essere diversamente visto che si tratta del backdoor pilot per Most Wanted, lo spin off che dovrebbe andare in onda la prossima stagione, ipoteticamente al posto di Agent Carter (o assieme).

L’uscita di scena di Bobbi ed Hunter quali conseguenze avrà sullo show? Beh, perderà qualcosa in umorismo sicuramente, ma vista la storia che si è decisso di intrapendere era inevitabile che qualcuno uscisse di scena: troppi personaggi da gestire, meglio tagliare il numero.

Di suo la puntata non ha detto nulla, abbiamo visto molta politica e poca concretezza, abbiamo visto Malick sparare al piattello con la figlia e discutere con lei deL futuro dell’HYDRA. Ma è fin troppo poco per esser commentato approfonditamente, non c’è neppure materiale per fare ipotesi, a meno che, come qualcuno ha scritto negli USA “possibilità di una storia tra Hive e la figlia di Mallick: 80%”.

Speriamo che siano più vicine allo zero assoluto…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...