#Shadowhunters – Of Men and Angels, Uomini e Angeli (S1E06)

Una full immersion nei ricordi, in questo episodio.. Un ritorno al punto d’inizio e un luogo comune vecchio quanto il mondo ma quanto mai attuale: il potere logora chi non ce l’ha. Questi sono gli ingredienti di questo episodio di Shadowhunters: alcuni passi indietro, altri avanti, ma un episodio senza dubbio piacevole e ricco di sorprese.

Ci si evolve, finalmente.. Dopo una partenza un po’ lenta e discutibile, Shadowhunters si libera dei tanti orpelli ed entra finalmente nel succo della questione. E questo episodio ci ha permesso di conoscere le origini di tutti i mali del mondo degli Shadowhunters: Valentine Morgenstern, trasformatosi da ligio Shadowhunter a mostro impenitente e pronto a tutto pur di raggiungere i suoi scopi.

Permettetemi una piccola critica: ho trovato meglio gestita la regia dei flashback che quella degli eventi in epoca corrente. Detto questo, l’episodio ci narra della nascita del famoso Circolo e ci fa sapere che anche Luke, prima di essere un licantropo, era uno Shadowhunter ed era addirittura il parabatai di Valentine. E proprio Valentine, il mostro, nella sua visione distorta delle cose ha fatto sì che Luke divenisse ciò che è oggi.. Ma non credo ci sia da stupirsi, visto ciò che ha fatto alla sua ex moglie e alla madre dei suoi figli. Già, perché i figli sono – o erano – due: Jonathan Christopher e Clary. Al primo, purtroppo [?] è toccata una sorte molto più nefasta.

Tutto qui? Assolutamente no. I rapporti sono stati al centro di questo episodio più che mai: quelli difficili tra una madre con fin troppi segreti (non aggiungo nulla) e una figlia ribelle più per necessità che per indole, Maryse e Isabelle.. Ma anche rapporti più freschi e giovani, come quello nascente non soltanto tra Jace e Clary, ma anche tra Magnus e Alec. Mi piace molto questa parte, devo dire che in queste battute iniziali c’è molta più enfasi nella serie TV piuttosto che nel libro.. E da buona shipper Malec non posso che esserne entusiasta. Ma abbiamo visto anche un rapporto difficile, quello tra Simon e Jace. Che Jace abbia una cotta per Clary ormai lo hanno capito anche i muri, e ancor più si è capito che questo a Simon non piace. Il fatto è che comunque Simon, ultimamente, non sembra più lui e l’unico che sembra averlo notato è proprio Jace; e questo non perché Simon sia bravo a nasconderlo ma essenzialmente perché sono tutti troppo presi da altro per notare gli sbalzi d’umore di un mondano proiettato troppo in fretta e troppo dentro un mondo di cui dovrebbe ignorare l’esistenza.

Finalmente siamo giunti al dunque: in un modo degno della più brillante Jessica Fletcher, Clary ha finalmente dedotto come sua madre abbia nascosto la coppa e dove essa si trovi. Come abbia fatto, dal momento che i suoi ricordi sono ancora chissà dove, è e resta un mistero di cui, spero, verremo a capo al più presto. Questa scoperta segnerà sicuramente una svolta nelle dinamiche della serie, le vedrà sicuramente arricchirsi di pericoli sempre più pressanti e, si spera, di un po’ di sana azione che, in questa serie, sembra venire un po’ meno!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...