#Supernatural- Paint it black (S10E16) #Spn

Appuntamento settimanale con Supernatural che torna sui nostri “teleschermi” con un episodio gradevole ma non troppo pretenzioso.
Prima di passare alla recensione, vi invito a passare dalla nostra Pagina Facebook e dalle nostre affiliate che ringraziamo con tutto il cuore Supernatural ~ Italia e Supernatural Italia.

5-Supernatural-Season-10-Episode-1-S10E1-title-card-600x337
C
on il rischio di inimicarmi gran parte dei lettori, vorrei cominciare questa recensione con un quesito che alla sottoscritta sta particolarmente a cuore.
Ovvero: “Dove sono finite le palle di Crowley?”


tumblr_mkql8urgjK1qm99fco2_500

Sono spiacente mio adorabile Sovrano, ma questa domanda dovevo porla prima o poi!
Prima di essere insultata dalle fan del King Of Hell permettetemi un piccolo appunto al riguardo: IO AMO CROWLEY. Credo sia da sempre uno dei miei personaggi preferiti della serie e proprio per questo motivo il vederlo così sottotono sta ampiamente lesionando la mia capacità di provare pazienza.
Per quanto l’idea di inserire Rowena mi sia sembrata una vera genialata almeno all’inizio -intendiamoci, l’idea di inserire la madre di Crowley e di farla risultare una delle più potenti streghe esistenti al mondo, sembrava essere davvero una ventata di aria fresca- con il passare del tempo si è in realtà rivelata una sorta di “distrazione” negativa  per quello che è il personaggio ed il carattere di Crowley.
Crowley ci è stato da sempre presentato come un individuo scaltro e privo di qualsiasi tipo di senso di colpa, deciso ad ottenere il potere ad ogni costo. Andiamo! Stiamo parlando di colui che sin dal principio è riuscito a tenere testa ai Winchester, parandosi il culo in ogni singola occasione. Ed uscendone per altro vittorioso!
Ora ci ritroviamo di fronte una persona completamente succube degli sbalzi di umore di una madre, che sin dalla sua nascita non ha provato il benché minimo sentimento di affetto nei suoi confronti.
Non prendiamoci in giro. Rowena non ha alcun interesse per la sorte di suo figlio, se non quello di ottenere protezione per le sue stronzate.
Lo ha ampiamente dimostrato negli episodi precedenti, portando alla morte alcuni dei consiglieri più fidati del demone solo per ottenere il suo controllo. E qui entra in gioco la mia domanda di poco fa.
Crowley che da sempre ha tramato contro chiunque, non è in grado di osservare la falsità negli atti e nelle parole di Rowena? Per quale motivo?
E per quale motivo vuole improvvisamente compiacere una madre assente e disinteressata?
No ragazzi non sono per nulla felice della china intrapresa da questo personaggio. Crowley a mio parere merita molto più di questo. E’ un personaggio con migliaia di sfaccettature e vederlo ridotto a simil-burattino nelle mani di Rowena, proprio non mi va giù.
E badate bene…con questo discorso non sto cercando di gettare fango neanche su Rowena. Continuo a pensare che il suo personaggio possa essere interessante e molto divertente -questo dipende ovviamente dai punti di vista, io ho una passione per i pg negativi, mea Culpa- ma non per questo deve arrivare a prevaricare e in qualche modo sottomettere un personaggio importante quanto Crowley.
Abbiamo scoperto che la condanna di Rowena da parte della Congrega è andata a cadere successivamente alla Caduta della Congrega stessa. Dunque il suo continuo nascondersi ed il temere per la propria incolumità è stato inutile per anni e anni.
E chi sono stati i fautori della caduta della Congrega?
Ovviamente i Men of Letters! E questa informazione, sono certa, servirà a Rowena per tentare di scagliare ancora una volta Crowley contro i Winchester.
Non sono del tutto sicura della riuscita di questo probabile tentativo di guerra, l’espressione e le parole di Crowley sono state esaurienti a mio avviso, ma come ho detto all’inizio dell’articolo non sono del tutto certa della forza di volontà di questo personaggio al momento.
Spero seriamente che torni ad essere il Crowley di una volta, perché signori miei così proprio non mi piace.

Chiudiamo questa GRANDE parentesi sulla parte forse più interessante dell’intera puntata ed andiamo dunque a parlare del caso trattato e dei nostri due amati fratelli.

Non è stata una puntata ricca di colpi di scena, escluso lo scoprire delle azioni dei Men Of Letters contro la Congrega, ma tutto sommato direi che è stata una puntata abbastanza piacevole.
Il caso settimanale è stato un ritorno al vecchio stile “Salt & Burn” delle prime stagioni ed ammetto di aver provato un po’ di nostalgia nei riguardi delle prime puntate della serie. Avete presente, no? I primi casi dei fratelli, con fantasmi e demoni in ogni dove e la loro collaborazione reciproca.
Un fantasma vendicativo in una Chiesa pronto a punire gli infedeli ed i traditori.
Un prete ignaro di tutto ciò che avviene nella sua parrocchia.
Ed una suora decisamente molto attraente, che ovviamente Dean non manca di adocchiare.
Il caso in se era piuttosto interessante e Udite Udite! Hanno nominato l’Italia!
Ps: ci avete fatto caso? In ogni telefilm quando il nostro paese viene menzionato, non si tratta mai di cose positive. Coincidenze? Io non credo.
In questo caso abbiamo esportato un fantasma vendicativo direttamente da Firenze e abbiamo dato “lei” modo di uccidere indisturbata.
Un po’ come avverrebbe se qualcuno decidesse di esportare il film di Alberto Tomba e quello di Costantino.
Ma torniamo all’episodio e lasciamo da parte la mia ironia becera.
Questo caso ha dato modo a Dean di fare una piccola introspezione. Qualcosa che ritengo avrebbe dovuto fare da diverso tempo.
Non comprendo il suo ostinarsi a non voler parlare con Sam della sua paura di morire, fin dall’inizio della serie siamo stati messi di fronte al fatto che i segreti fra quei due testoni, sono alla base delle peggiori tragedie che solitamente li colpiscono.
Diamine Dean! Metti da parte l’orgoglio e inizia ad aprirti con tuo fratello. Te lo sta dicendo da mesi e sono mesi che quel povero cristo -passatemi il termine- sta cercando in ogni modo di trovare una soluzione al tuo problema!
Credo sia arrivato davvero il momento che questi due inizino a comportarsi da persone mature e mettano da parte il loro stupido orgoglio per confrontarsi e CONFORTARSI a vicenda. Sono ragionevolmente stanca di vederli soffrire e di vederli macerare dall’interno per il non voler parlare. Eh su, dai!

Ancora una volta del Marchio è stato fatto solo un piccolo accenno e di Castiel o Charlie non vi è stata traccia.
Francamente non comprendo il perché di tutta questa suspance, ma non sono uno sceneggiatore dunque non posso permettermi -e mai lo farei- di criticare le scelte di qualcuno che obbiettivamente ne sa molto più di tutti noi.
Detto questo mi auguro -e dal promo credo di avere ragione per essere elettrizzata- che il prossimo episodio sia in grado di fornirci qualche risposta esauriente sul tema portante della stagione.

Appuntamento alla prossima settimana!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...