#TheWalkingDead – Remember (S5E12) #AMC #TWD #DEADicated

Ditemi la verità: è The Walking Dead o è La Casa Nella Prateria? No, perché di tanto in tanto faccio fatica a ricordare che questo è The Walking Dead, è difficile ogni tanto a riconoscere lo show.
Prima di proseguire vi invito a visitare la nostra pagina facebook e la nostra pagina affiliata The Walking Dead Italia.

the-walking-dead-featured

Prima di cominciare, vorrei spendere due parole – anche se non si meritano nemmeno queste – verso tutti coloro che hanno rivolto i peggio commenti di questo mondo al bacio tra Eric e Aaron nello scorso episodio, aggiungendo “Sarebbe stato meglio se fosse stato tra Tara e Rosita”, sono proprio soltanto due contate: siete squallidi.
Detto questo, passiamo all’episodio di oggi. Il mio commento a caldo è stato un sonoro ‘che palle’ ribadito più e più volte: non si può arrivare a questo punto e propinare episodi così noiosi.. Questa storia dell’introspettiva deve finire, assolutamente: non si può stare tutto questo tempo a sentire e vedere commenti e reazioni al fatto che Rick si è tagliato la barba, dico sul serio.

Non dico che come episodio sia stato brutto, ma è indubbiamente stato abbastanza noioso e smorto.. Al tempo stesso, però, aveva un che di ‘affascinante’, per così dire: è sempre strano vedere le cose che diamo per scontate come una doccia calda, o un rubinetto da cui scorre acqua, o un letto morbido, in alcuni casi finiscano per diventare qualcosa di sorprendente.

Devo dire che questa gente di Alexandria non è male.. Alcuni hanno idee un po’ strane, ma la mia prima impressione è stata abbastanza positiva. L’accoglienza rivolta al gruppo è stata più che buona, e sembra che tutti si trovino, con le dovute cautele, a loro agio. Proprio tutti? No.. Daryl, ad esempio, sembra non avere alcuna intenzione di adeguarsi o di voler ‘prendere qualcosa’ da quelle persone. E non solo, ma si fa addirittura beffe di chi, come Rick e Carol, si adegua a questo nuovo stile di vita. Non che io voglia fare l’uccello del malaugurio, visto che lui è uno dei miei mostri sacri.. Ma in quest’ultimo episodio mi è corsa giù per la schiena una bruttissima sensazione riguardo a Daryl. Non lo vedo più combattivo come prima.. Lo vedo stanco, emotivamente distrutto, forse rassegnato e incapace di accettare ancora l’ombra di un cambiamento nella sua già troppo difficile vita. Quel che è certo è che ci sono persone che hanno reagito a lutti e a traumi ben peggiori: Rick è sopravvissuto al trauma di aver perso – e poi ritrovato – Judith, Carl è quasi stato molestato da un pedofilo, Maggie – anche se non ho cambiato idea su di lei – quando ha ritrovato sua sorella l’ha vista morta.. Anche se la differenza sostanziale è una: tutti hanno qualcuno, Daryl è da solo. Carol è una presenza importante nella sua vita, ma non tanto da tenerlo ancorato a qualcosa.

Riguardo alle persone di Alexandria, non so ancora bene come esprimermi.. Soprattutto sulla loro leader, Deanna. Forse il fatto che sia così accomodante e così espansiva verso degli sconosciuti può destare sospetti.. Anche se va detto che per lei potrebbero non essere del tutto degli estranei: essendo lei la leader di quella comunità, sicuramente Aaron le ha fatto rapporti dettagliati su Rick e i suoi.. Quindi li conosce molto più di quanto si possa pensare.

La conclusione dell’episodio è stato un déjà vu inquietante, mi ha ricordato molto il “Si sono messi contro le persone sbagliate” pronunciato sempre da Rick nel vagone di Terminus.. Speriamo non ne venga su un’altra schifezza come quella di Terminus!

Un plauso speciale credo vada fatto a Glenn, e ribadisco quello che ho detto la scorsa settimana: riesce a essere uomo solo lontano da Maggie.. Hey, mister Kirkman, ce le facciamo un paio di domandine? Diamo una smossa come si deve a questo ragazzo? Grazie.

E ora cosa facciamo? Quello che facciamo oramai da tempo immemore: aspettiamo. Aspettiamo che succeda quel qualcosa che ci faccia letteralmente saltare dalla sedia, che ci faccia urlare al miracolo.. Chissà quanto dovremo ancora aspettare?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...