#Supernatural- The Hunter Games (S10E10) #Spn

Dopo la consueta pausa natalizia Supernatural ritorna e non delude in alcun modo le aspettative.
Prima di passare alla recensione settimanale vi invito a passare dalla nostra Pagina Facebook e dalle nostre affiliate Supernatural ~ Italia e Supernatural Italia a cui vanno i nostri più sinceri ringraziamenti.

5-Supernatural-Season-10-Episode-1-S10E1-title-card-600x337

Supernatural non è mai stato uno show banale e provo di colpi di scena e su questo penso che nessuno possa avere da ridire.
Ci sono stati momenti bui (siamo alla decima stagione e comprendo che le storyline possano in passato essere state considerate “poco interessanti”) e ci sono stati momenti in cui avremmo volentieri fatto cozzare le teste degli sceneggiatori le une contro le altre, a causa di discutibili scelte a livello di trama.


Ma non possiamo lamentarci riguardo l’originalità e la voglia di esplorare i lato oscuri e non dei vari personaggi della serie.
Supernatural nasce e prosegue come uno show improntato sul soprannaturale e sulla famiglia, senza mai scadere nel sentimentalismo più zuccheroso. E a mio parere personale questo è da considerarsi tra i maggiori pregi della serie televisiva.

Abbiamo lasciato Dean in preda alle conseguenze più sanguinarie del Marchio, tra le braccia di un Sam sconvolto e sotto lo sguardo esterrefatto di un Castiel in preda alla paura della promessa a lui fatta.
Intendiamoci… tutti noi eravamo a conoscenza del fatto che quel Marchio avrebbe causato solo ed esclusivamente problemi al cacciatore, ma nessuno di noi avrebbe mai immaginato conseguenze simili.
Dal mio punto di vista esplorare a fondo il lato più oscuro di Dean è un’ottima mossa. In passato siamo stati testimoni di ciò che il sangue demoniaco era in grado di causare su Sam, ora tocca a Dean fare un tuffo nell’oscurità.
Ma… in questo caso la risalita per lui sarà decisamente più difficoltosa.
Tornando indietro nel tempo proviamo a ricordarci le parole di Caino: egli sapeva che quel Marchio avrebbe portato Dean sulla strada della “perdizione” e sapeva con esattezza cosa avrebbe comportato per lui tutto questo.
Quello che ancora non ci è stato dato sapere è come abbia fatto lui, a convivere con una simile condanna sulla testa. Ed è un interrogativo che prevedo ci trascineremo dietro sino alla fine della stagione.
Una parte di me spera nel ritorno di Caino per ulteriori spiegazioni e visto il riscontro positivo sul pubblico, sono quasi sicura che la sceneggiatura non possa che riservarci piacevoli sorprese.
Ma torniamo rapidamente all’analisi e recensione dell’episodio e dei suoi protagonisti.
E torniamo a parlare di Dean e della sua poca capacità di controllo sugli effetti devastanti del Marchio di Caino.
Ho riflettuto a lungo sulle parole che Sam ha utilizzato con lui. Sul fatto che Caino potesse aver compreso come tenere a freno il Marchio, tenendo a freno lui stesso.
Dean ha molta rabbia dentro di se. E’ comprensibile che ne sia saturo, in quanto lui e Sam non sono mai riusciti ad ottenere un solo attimo di pura pace.
Tutto quello che ha nascosto e tenuto a bada per anni ed anni, è ora riuscito a venire allo scoperto in maniera devastante.
Non fraintendetemi… ho apprezzato il modo in cui ha quasi posto fine all’esistenza di Metatron.
Supernatural non è uno show sul buonismo e sui clichè da eroi completamente positivi.
E Metatron a mio avviso, meritava di soffrire pene di gran lunga peggiori a quelle perpetrate da Dean.
Per favore, ricordiamoci tutto ciò che Lo Scriba del Signore, ha fatto nel corso delle ultime tre stagioni, prima di trovare una giustificazione alle sue azioni.
Ma tornando a Dean siamo anche riusciti ad osservare una piccola schiarita in lui. Nel momento in cui si è nuovamente trovato in difficoltà non ha lasciato che il Marchio prendesse ancora una volta il sopravvento sulle sue azioni.
A mio avviso è un fattore positivo.

Sam in tutta questa vicenda sta tentando disperatamente un appiglio per salvaguardare il fratello. Lo abbiamo visto acconsentire alla chiamata di Crowley e al fatto di accettare una sorta di alleanza con lui, per l’ennesima volta.
Sam sa.
Comprende Dean alla perfezione e conosce bene la sensazione data dal potere di togliere la vita in quel modo.
Conosce più di chiunque altro il lato oscuro e sa bene che Dean può e deve controllarlo.
Lo ha fermato.
Ha fermato Dean nel momento in cui la vita di Metatron stava per essere messa a repentaglio. Ha tentato di calmarlo in ogni modo e maniera e alla fine vi è egregiamente riuscito.
Ed è esattamente questo che amo di questa serie.
Amo il modo in cui i due fratelli, nonostante problemi vari e fratture nel loro rapporto, siano riusciti e riescano ogni volta a trovare il modo di sostenersi l’un l’altro.

Castiel in questa particolare occasione risulta essere forse l’anello debole della squadra. Ha in mente la salvaguardia di Claire (come è giusto che sia) e la sua visione della situazione è annebbiata dalla preoccupazione per la sorte della ragazzina.
Apprezzo questo suo lato puramente umano. Diciamo che nel corso delle varie stagioni, siamo riusciti ad osservare un cambiamento radicale nell’angelo.
Da essere completamente devoto al Signore, Castiel è divenuto qualcosa di ben più gradevole di un essere umano.
Il suo rapporto con Dean non è stato messo a repentaglio. Ci sono delle priorità da rispettare per lui al momento, ma come abbiamo notato una sola chiamata dei fratelli Winchester basta per farlo accorrere.
Perché lo considero l’anello debole?
Semplice. Il fatto che non abbia intenzione di “curarsi” lo rende vulnerabile più che mai. Castiel deve ritrovare la Grazia e recuperare la sua forza, prima di crollare definitivamente.
In queste condizioni rischia solo di essere ucciso da qualcuno e a cosa servirebbe?
Per quanto riguarda Claire ( e ne parlo qui perché non voglio spendere molte parole per lei) non uccidetemi, ma non lo trovo un personaggio interessante.
O meglio lo trovavo interessante prima, ma in questo episodio è stata utile solo per quanto riguarda la parte secondaria. Certo, ha costretto Dean a fare i conti con la sua umanità ancora una volta, ma l’atteggiamento da TeenAger ferita non l’ho trovato molto apprezzabile.
La giustifico, intendiamoci. Ha superato prove difficili per una ragazzina della sua età, ma il continuare a scappare non la porterà a nulla di buono.

Crowley e Rowena.
Best Couple ever.
Credo di amare questi due insieme. La migliore accoppiata madre-figlio che si potesse desiderare in uno show televisivo.
Ammettiamolo sono un po’ le Gilmore Girls infernali!
Che Rowena fosse una doppiogiochista lo abbiamo compreso sin dalla sua entrata in scena. Non ama suo figlio (come puoi non farlo??? Crow è l’amore!) e desidera solo avere un sicuro lasciapassare per avere salva la vita.
E’ scaltra e furba. Quasi alla pari del suo “adorato” demonietto.
Dico quasi alla pari perché non ritengo possibile che Crowley, possa in qualche modo farsi fregare così facilmente.
Non è esattamente un novellino e l’idea che Rowena possa manipolarlo senza che lui lo comprenda, mi fa storcere abbastanza il naso.
Conosce sua madre. Sa bene quello di cui è capace, non credo sia così folle da fidarsi completamente delle sue parole e delle sue azioni.
Per carità Rowena sarebbe in grado di fregare anche il Padre Eterno in persona, ma Crowley ha fregato chiunque nel corso di ben cinque stagioni, vogliono davvero farci credere che fotterlo sia così semplice?
Ad ogni modo non vedo l’ora di scoprire altri particolari riguardanti il passato di questi due. Non sarebbe poi così male farsi un giro nella loro storia, solo per capire il motivo di tanto astio di Rowena nei confronti del povero Fergus.
Ora… Rowena sa.
Sa che Crowley ha qualcosa a che fare con i Winchester e sa che la Lama è nelle mani del figlio. A cosa porterà la conoscenza di tali informazioni?
Tornando a Crowley adoro il suo rapportarsi con Dean.
A mio avviso il suo concetto di amicizia è si malato, ma allo stesso tempo ben saldo. Non ha esitato neanche per un solo istante ad accorrere alla chiamata di Dean e non ha negato il suo aiuto neanche per riprendere la Lama.
Eppure sa bene che quella Lama potrebbe essere la fautrice della sua dipartita.
Non so fino a che punto tenga a Dean, ma sono quasi del tutto certa che Crow lo consideri come parte integrante della sua esistenza ormai.

Per concludere vi lascio con un interrogativo. O forse più di uno.
Cosa avrà voluto dire Metatron con la sua frase criptica rivolta a Dean, prima di essere salvato da Castiel e Sam?
E Rowena quanto avrà a che fare con la storyline in corso e come si evolverà il suo rapporto con Crowley.
Ma soprattutto: come si libererà Dean del Marchio?

Ps: Castiel saremo tutti felici se mandassi un sms anche a noi. Magari condito di Emoticon!

Con questi quesiti e con la speranza che la recensione sia stata di vostro gradimento, vi do’ appuntamento alla prossima settimana!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...