#AgentCarter – Time And Tide (S01E03)

Continuano le indagini dell’agente Carter, doppiamente in incognito. Dopo il buon debutto del doppio season premiere, come è andata questa puntata?

Agent Carter

Beh, è andata. Non è stata una brutta puntata, ma si è notata una grossa differenza senza dubbio

C’è stata una maggiore calma rispetto al debutto specchio del cambio alla regia e ci si è concentrati sostanzialmente su una cosa sola: scoprire cosa vuol dire il simbolo misterioso tracciato dal misterioso uomo prima di morire.

Per farlo, Peggy indaga, consultanto anche un libro di simbologia, ma senza successo. Mentre indaga però sul furto subito da Stark, seguendo il canale fognario sotto la stanza segreta, giunge al porto e lì, su una imbarcazioen, trova il simbolo.

A bordo di essa, rinviene la refurtiva, ma c’è un problema. Non può prendersi il merito perchè, come le fa notare Jarvis che l’ha accompagnata in questa “missione”, verrebbe screditata e addita come complice di Stark e traditrice.

Così mentre il fido maggiordomo telefona all’SSR per fare la soffiata, lei si trova a dover fare a pugni con un’uomo messo di guardia al mezzo: con non poca fatica (dovrà intervenire sia Jarvis e dovranno ussare uno degli aggeggi di Stark) ha la meglio e abbandona la scena.

Agent Carter - S01E03

Al molo arrivano Sousa e Krzeminski che impacchettano il tutto, caricano l’uomo messo KO da Peggy in macchina e lo portano in centrale. Non tutto va bene, anzi. Krzemiski è solo con il sospetto, quando la macchina vien fermata da un passaggio a livello e tamponata.

Sceso per dirne quattro al tamponatore viene freddato dall’uomo con il completo verde, così come poco dopo il suo passeggero nonostante giuri di non aver rivelato nulla (anche se aveva accennato ad una donna, ovvero Peggy).

Giunta in ufficio, Peggy riceva la notizia della morte del collega e ne resta sconvolta nonostante lo sopportasse a malapena.

Agent Carter - S01E03 (3)

Il resto è poca roba, anche se abbiamo scoperto qualcosa sul passato di Jarvis. Arrestato dal SSR che lo collega all’esplosione/implosione alla Roxxon (motivo per cui cammuffa lavoce al telefono) viene minacciato di deportazione se non svuota il sacco su Stark, facendo anche leva sul fatto che il maggiordomo è già stato accusato e processato per tradimento.

Come rivelerà a Peggy fu per aver falsificato una lettera del generale per cui lavorara prima di essere assunto da Howard al fine di Salvare la moglie anna, ebrea, in fuga da Budapest. A salvare la situazione fingendo di essere maldestra, inetta ed incompetente sarà ovviamente Peggy.

 Agent Carter - S01E03 (1)

Poche progressi dunque nelle indagini, ma è ormai chiaro che per la fine della stagione/serie (al momento si parla di miniserie), Peggy avrè riscattato il nome di Howard e verrà rinoconosciuta come agente e non come un bel faccino. In scena è entrata una nuova ragazza, ospite dell’ostello dove si trova la Carter ovvero Dottie Underwood, chissà se avrà un ruolo di peso o meno, potrebbe non essere chi ci vuole far credere ma si è vista troppo poco per poter dire qualcosa.

Certo, il fatto che sia una ballerina come una nota agente segreta russa vista al cinema e che Leviathan sia collegato alla Russia (così come gli uomini a cui è stata rimossa la laringe sono morti ufficialmente in guerra per la Russia), può far venire qualche idea da guerra fredda…

Agent Carter - S01E03 (2)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...