Once Upon A Time – Villains never get happy endings (S04E11) #OUAT

Featured image

Ci siamo: ultimo appuntamento con OUAT del 2014. Sembra ieri che facevamo il conto alla rovescia per la premiere o che fangirlavamo per colpa del comic-con.
Sono così sentimentale che mi faccio schifo.

Questo mid-season finale ci ha lasciati col fiato sospeso – un po’ meno dell’ultimo ma meglio così – portando due coppie a scoppiare e introducendo alcuni personaggi nuovi, a mio parere, molto interessanti. Ma non è tutto rose e fiori, infatti ho notato che un arco narrativo è stato sprecato, molte cose si sarebbero potute risolvere prima e altre avrebbero avuto bisogno di più attenzione data poi l’importanza che gli è stata data in quest’ultimo episodio. Approfondirò la questione, al momento giusto, intanto parliamo un po’ delle cose ben riuscite.

Featured imageRumple, come avrete capito, mi provoca emozioni contrastanti: lo adoro nei panni del Signore Oscuro ma lo impalerei col suo stesso bastone quando mi parlate di Gold, quindi sono stata più che contenta di vedere Belle dargli finalmente quello che si meritava (go, Belle, go!).
La scena è davvero bella e con due attori come Robert Carlyle ed Emilie de Ravin non poteva che uscire fuori qualcosa che resterà nella storia della serie. Io idolatro Robert Carlyle, è un attore fantastico, lo trovo pieno di talento e spero tanto che venga notato al di fuori della serie. Non so scegliere la battuta che più mi sia piaciuta perché è stata un’interpretazione magistrale, – come ho già detto – molti dicono che quel “I’m afraid” meriti un Grammy, ma forse la parte migliore è dopo che attraversa il confine della città e si butta a terra cercando Belle, o ancora quando dice: “Il potere va bene perché vuol dire che io… che noi possiamo avere tutto.” Emilie mi è piaciuta moltissimo, strappalacrime. Qui non è difficile trovare la battuta migliore:

Featured imageMi sono persa cercando di aiutarti a ritrovare te stesso.

Clap clap a questa coppia di attori fenomenali. Ai fini della trama era davvero una parte fondamentale perché Gold ha capito che lui non è tagliato fuori dalle regole, che è un cattivo e che i cattivi non ottengono il loro lieto fine, nemmeno quando cercano di prenderselo con la forza.

vlcsnap-2014-12-15-18h19m27s129Il piano per liberarsi dal potere del pugnale è fallito (che peccaaaato), il che vuol dire che il nostro caro Rumple ha dovuto cavarsela per ben 6 settimane senza il suo amato potere, sono curiosa e speranzosa di avere dei flashback di quel periodo, sappiamo che sono successe molte cose e come shipper so di essermi persa la prima volta del mio OTP. Non mi sembra giusto. I Rumbelle sì, gli Snowing pure, gli Outlaw Queen non ne parliamo… e noi no? Niente? (ovviamente è la mia frustrazione che parla per mezzo di me, scusatemi). Ma avrò tempo di discutere dei miei problemi più avanti, per ora concentriamoci sull’altra coppia scoppiata: Robin e Regina.

Featured imageA quanto pare il confine della città regala sempre addii strappacuore (ah, posso tornare a fare certe battute. Temetemi) e la scena in cui gli Hood si allontanano da Storybrooke una volta e per sempre, con tutti gli uomini della compagnia e un abbraccio tra Will e Robin (si intravede appena, ma io ho pianto lo stesso) non è da meno. Marian, così dolce e comprensiva, gli concede qualche minuto da solo con il suo Vero Amore e lui vorrebbe tanto dirle le tre paroline magiche, ma lei lo ferma perché sarebbe stato troppo doloroso per entrambi. Sanno di star vivendo una bugia eppure vanno avanti, adesso dovranno convivere l’una cercando il suo lieto fine, – quando l’unico che potrà mai avere sarà con lui – l’altro fingendo di essere felice con sua moglie, ma sapendo bene che l’unica felicità di cui ha bisogno è al fianco di Regina.
E come se non bastasse la pagina viene stracciata, come se davvero non ci fosse più speranza di rivedersi. Regina si è arresa al fatto di essere una cattiva, che il suo destino è segnato e i cattivi non ottengono mai il lieto fine. Non ostante tutto continua a provare ad essere buona e a fare la cosa giusta anche se le porterà solo tristezza. Questa è quella che io chiamo: “Evoluzione del personaggio”. Datemi più Regina che fa la cosa giusta, non pensando alle conseguenze per se stessa, e meno Regina che incolpa le sue vittime di averle rovinato la vita e che si rende vittima. Non è la Regina Mills che voglio vedere, io voglio vedere questa.

Featured image

Ora posso parlare della cosa che mi preme di più: l’arco del cuore di Killian e del cappello dello Stregone. Tutto questo casino va avanti da “The Apprentice”, cominciato da “Io e te ci divertiremo”, subito dopo la questione della mano, eppure è stato liquidato con una scena rapidissima, non si è quasi completamente toccata la questione del cuore e più ci penso più mi convinco che l’ora extra sarebbe dovuta andare a questo episodio perché c’erano troppe cose da risolvere e Smash The Mirror si può benissimo tranciare. Se sapevano che il tutto si sarebbe risolto senza parlarne minimamente potevano evitare di mettere in mezzo Killian (perché non ha portato molto angst o altro) e concentrarsi del tutto su Gold. Spero comunque che questo sia il classico modo di fare di Emma, che cerca di evitare la questione in tutti i modi e che nella 4B riprendano il tutto dandoci almeno una scena dove ne discutono, dopo il “non posso perdere anche te” e due episodi di segnali per farle capire cosa stava succedendo credo sia il minimo.

Per ora mi accontento largamente di quel bellissimo sipario da Granny’s quando Gold dice a Killian cosa fare e Colin si muove gesticolando come avrebbe fatto Robert. (adoro anche lui, il suo modo di agire, le scelte che fa quando deve interpretare certe scene ed è inutile dire che anche Jennifer Morrison è un’attrice coi contro fiocchi) In particolare mi vorrei soffermare sul momento in cui lui se ne sarebbe dovuto andare, invece riesce a prendere il braccio di Emma e la guarda negli occhi, cercando di farle capire che c’era qualcosa che non andava. Killian è riuscito a prendere controllo delle sue azioni, anche se per pochi secondi. *inserire GIF di Anna che cerca di colpire Kristoff con la padella urlando “IT’S TRUE LOVE!”*
Spendo giusto quattro parole sulla scena in cui Emma rimette il cuore al suo posto. Non posso non accennare a lei che è tutta terrorizzata e mentre lui cerca di rassicurarla (come al solito) dicendo di farlo con calma, lei glielo sbatte addosso. Mi sarebbe piaciuto sapere cosa stava per dire quando Killian l’ha interrotta, ma dall’altra parte sono felice che non sia riuscita a finire la frase. Questi sono i momenti da “kinda wanna cuddle you, kinda wanna slam you against a wall.” Chi deve intendere intenda.
L’OTP è l’OTP, capitemi.

vlcsnap-2014-12-15-18h08m48s140

Sono rimasti gli ultimi due punti di cui discutere e uno di questi è il trio delle Regine dell’Oscurità. Grazia, Graziella e Grazie a tutti.

Featured imageDevo prenderti uno sgabello così puoi guardarmi negli occhi mentre mi minacci?

Dovete sapere che La Carica dei 101 è una parte predominante della mia infanzia quindi ritrovarsi Cruella de Vil in OUAT è come un dono sceso dal cielo e io l’amo già! Come faccio ad aspettare Marzo per sentirla ancora dire cose del genere? L’attrice è pure Irlandese! Viva gli Irlandesi!
Ursula è un altro personaggio che m’intriga molto col suo modo di fare sfacciato. Malefica… è ancora presto per dare un parere perché non ha né detto né fatto nulla di particolare, ma la vedo in maniera positiva dato che quando l’abbiamo vista nella prima stagione è stato un incontro al quanto piacevole. Sono tutte donne che sanno ciò che fanno e che vogliono e non vedo l’ora di vedere come proveranno a strappare via la felicità dalla cittadina del Maine. Inutile dire che non appena Crudelia ed Emma avranno una scena insieme io la rivedrò a loop per il resto della mia vita. Non vedo l’ora! Datemi un tardis, ho bisogno di arrivare all’uno Marzo. Adesso! La storia dell’autore mi piace un sacco, voglio capire chi è e so che la 4b sarà assolutamente fantastica. A quanto pare le parti “B” sono sempre quelle che preferisco.

Featured imageHo rimandato il peggio per ultimo: l’addio al cast di Frozen. Georgina, Elizabeth e Scott (soprattutto Scott perché lo conosco prima di tutto come “Leo” in Chasing Life) sono difficili da salutare e vedere quanto sia stato doloroso per Elsa abbandonare la sua amica è brutto, fa male ma devo spendere almeno qualche parola perché questi tre ragazzi così affiatati hanno dato tanto alla serie e adesso ci lasciano per non tornare. È stata una specie di prolungamento del film originale, con la perfetta caratterizzazione dei personaggi e i flashback completamente dedicati. Alcuni non l’hanno apprezzato e posso capire il perché, ma personalmente l’ho trovato davvero toccante e perfetto con una conclusione degna di questo nome e una Anna che resta fedele a sé stessa fino all’ultima battuta. Fantastico il momento finale, dove ricopiano la scena dal film. E così com’è cominciato tutto – con le due sorelle strette per mano – allo stesso modo è finito.

Si chiude il sipario, si spengono le luci e la storia di Frozen è finita così come la mia ultima recensione dell’anno.

Vi faccio gli auguri di un buon Natale e un felice anno nuovo.
Grazie di essere arrivati fino a qui insieme a me. Noi ci rivediamo a Marzo, più forti che mai, per una nuova storia da vivere insieme e sta volta dall’inizio.

Featured imageAbbiamo altre due fermate da fare.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...