#Gotham – The Mask (S01E08)

Questa settimana a Gotham è parola è una sola… VIULEEEENZA!

Non dimenticate di visitare la nostra affiliata, Gotham ITA.

Gotham

Un uomo in completo da uomo d’affari (bretelle incluse) viene trovato morto in città. Mentre Nygma fa i rilievi del caso, Jim e Harvey iniziano ad ipotizzare cosa possa essere successo: la svolta alla ipotese viena da un dito. Mozzato. In bocca alla vittima.

Gotham -  01E08 (1)

A casa Wayne si sono ricordati di una cosa: Bruce deve andare a scuola, anche se non vuole.

NOn è difficile dargli torto visto che mentre se ne sta per i fatti suoi un amico ne approfitta per rompergli le scatole chiedendolgli se ha visto i genitori morire, se c’era sangue, se ha visto le viscere… Insomma questo Tommy Elliott mostra una certa curiosità per il macabro.

Quando più tardi importunerà ancora Bruce, tra i due ci sarà un breve scontro e quando Alfred lo andrà a predere a scuola ne verrà informato, più o meno inderettamente dalla stesso Bruce.

Per tutta risposta, il maggiordomo pensa bene di portarlo a casa di Tommy, dove Bruce lo colpisce una paio di volte al visto stringendo nel pugno un orologio del padre: così, tanto per fare arrivare un messaggio chiaro. Alfred interviene per dire a Tommy di stare attento d’ora in poi.

Prima di andare via, Bruce chiede ad Alfred di sinsegargli a combattere e lui accetta, per poi chiedergli cosa voglai per cena. “Pizza”. “Ottima scelta, signore”.

Gotham -  01E08 (5)

 Torniamo all’omicidio. I nostri poliziotti scoprono che la vittima stacve cercadno di avere un lavoro presso una importate società finanziaria, la Sionis. Durante una visita presso gli ufficio notano che i dipendenti sono pieni di lividi ed cominciano a sospettare qualcosa.

Il capo, Richard Sionis, li accoglie nel suo ufficio dove abondano amri di vario genere e maschere strane, cosa che inizia a far innervosire Gordon, che ha già capito che aria tiri da quelle parti e che Sionisi ha inquadrato come qualcuno che ha ucciso in passato e ne prova ammirazione.

Terminato il colloquio, Jim osserva i dipendendi al lavoro e la sua attenzione cade su del sangue a terra e dalla relativa scia che porta ai bagni. Entrato lì, si imbatte in un impiegato privo di un dito e viene aggredito. Per fortuna che c’è Harvey che lo ferma a prendogli la porta in faccia.

Gotham -  01E08 (2)

Nygma intanto ha effettuato acluni esami sulla prima vittima, rinvenendo sul corpo diversi oggeti da ufficio, come delle puntine e toner per stampante. Questo dettaglio conferma la confessione dell’arrestato che ha parlato di come Sionis abbia scelto i tre miglior candidati per un’assunzione e li abbia essi a lottare per il posto di lavoro in un.

Tuttavia, l’arrivo dell’avvocato vanifica tutto e la confessione non è stata ancora firmata.

Nygma però ha fornito altre informazioni, ovvero che ci sono almeno altri 4 casi persone morte con ferite di oggetti da ufficio da ufficio. Il capitano Essen vuole che venga trovato in quale edificio collegabile a Sionis si tengano gli incontri, e così inizia la ricerca.

Gotham -  01E08

Lo stabile viene trovato da Gordon, da solo,  e qui non solo incontra i candidaiti al posto di lavoro, ma viene aggredito alla spalle con un taser da Sionis, che offre così una novità agli spettatori del suo fight club (TV a circuito chiuso) ed agli aspiranti dipendenti: Gordon dovrà combattere e colui che lo ucciderà non solo avrà il posto di lavoro, ma anche un milione di dollari.

Harvey, con un serie di inidirizzi da controllare per l’indagine, non sapendo degli sviluppi della ricerca di Jim, inizia a cercare il partner ma alla centrale nessuno gli è d’aiuto vedendo nel collega più una rottura di scatole che altro.

Esasperato dalla situazione, fa un discorso duro e sentito dicendo che in ogni caso, Gordon è un poliziotto ma neppure questo funziona: deve intervenire la Essen che chiede ad Harvey di passarle un paio di indirizzi tra quelli che lui da controllare, e così un po’ alla volta tutti collaborano.

L’incontro vede Jim sulle prime restio a colpire duro gli avversari ma alal fine capisce che non ha scelta e ne esce vincitore, prima che entri un nuovo contendente: Sionis in persona, anche lui a volto coperto come i candidati, ma con una maschera la posto di un passamontagna come gli altri.

Gotham -  01E08 (3)

Armato di spada, Sionis mette in seria difficoltà il poliziotto ma alla fine viene messo al tappeto in maniera decisa. Gordon impugna anche la spada e sembra pronto ad uccidere (tra l’incredulità del pubblico), ma vi rinuncia poco prima dell’irruzione della polizia.

Sionis approfitta della distrazione  sta per colpire Jim, ma questi si gira in tempo colpendolo in faccia con un destro: Sionis finisce culo a terra ed il caso è chiuso.

Tornato alla centrale, Jim ringrazia Harvey dicendo che ha spauto del discorosa fatto (e che lo ha definito anche una rottura di balle), ma il collega minimizza e gli consiglia di andare a casa. Jim telefona a Barbara, ma lei ha preso la decisione di andarsene non sentendosi al sicuro e così si trova a lasciare un messaggio in segreteria…

    Gotham -  01E08 (4)

TRIVIA

Tommy Elliott: Thomas “Tommy” Elliot era amico d’infanzia di Bruce Wayne, ed era il rampollo di una ricca famiglia di Gotham City. A differenza di Bruce, odiava i suoi genitori perché il padre era un violento alcolizzato mentre la madre, proveniente da un passato di povertà, sopportava le violenze del marito.

Sabotò la macchina dei genitori con l’intento di ucciderli, ma Thomas Wayne salvò la madre, episodio questo che face nasce in lui l’odio verso i Wayne. Formidabile chirurgo estetico, esperto stratega, manipolatore ed abile nel combattimento corpo a corpo, appare nei fumetti solo nel 2002 e prende l’idendità di Hush (nell’arco narrativo omonimo).

Hush

Black Mask: Nato da una ricca ed elitaria famiglia di Gotham City, Roman ebbe un’infanzia difficile, soprattutto per colpa dei suoi genitori, ossessionati dagli affari e dai soldi e noncuranti dei problemi del figlio. La famiglia Sionis dirigeva un importante azienda di cosmetici, la Janus Cosmetics, dove il padre di Roman concentrava tutta la sua attenzione.

L’azienda, essendo un colosso del settore e permettendo ai Sionis guadagni di un certo calibro, portava la famiglia di Roman a rientrare nella stretta cerchia delle più potenti famiglie di Gotham, tanto che erano molti gli amici ricchi che giravano intorno ai Sionis, tra cui anche la famiglia Wayne.

Formidabile nel corpo a corpo, genio del crimine, grende stratega, esperto nell’uso di armi ed esplosivi è uno dei cirminali più pericolosi e follie che affliggono Gotham. Non esita a torturare le sue vittime, come ha scoperto Stephanie Brown (Spoiler) nel ciclo War Games (solo per fare un esempio).

Black Mask

COMMENTO

Una puntata filler con molte ombre e luci. Se la trama portante del conflitto tra Mooney e Falcone è stata tratta solo in parte con lo scontro tra lei ed Oswald quando dovevano chiarirsi (e che porterà alla morte del sostituti di Pinguino presso Mooney, per ordine dello stesso Oswald), e con Liza che ha capito in che guaio si è cacciata tanto da chiedere di uscirne, le cose più interessante le ho trovate nelle piccole cose.

Ad esempio, nel fatto che Alfred insegnerà a Bruce come combattere, ma ho trovato interessante anche la decisione del maggiordomo di permettere a Bruce di farla pagare a Tommy per i comenti fatti sulla madre. Nella sua durezza, Alfred ha mostrato una grande sensibilità (e meriterebbe un po’ più di spazio secondo me, ma sono un estimatore di Pertwee).

Confermo la mia stima per Bullock ed il discorso fatto in difesa di Gordon è stato duro e giusto. Non lo invidio, si trova a dover far da mediatore tra la purezza ideolagica di Jim e la corruzione del distretto: ed il capitano Essen sembra essere indirizzata su quella strada anche lei. Una stask force con loro tre più Montoya ed Allen scatenerebbe l’inferno.

Infine, Black Mask. Il vantaggio di non guardare gli spoiler, mi ha portato questa stagione ad anticipare gli eventi della settimana successiva, e la cosa mi piace. Non mi è piaciuto però come sia stato trattato il cattivo, ma è pur sempre vero che qui non è ancora il Black Mask del fumetto, come Nygma non è l’enigmista, Cat non è Catwoman e Tommy non è Hush.

I tratti principali di Black Mask (e poco importa che questo sia il padre del cartaceo, le aspettative son quelle) ci sono: crudele, spietato, manipolatore, pieno di soldi, intelligente. Non è ancora il male incarnato che è sulla carta (e che trasporre in live action sarebbe problematico per le censure), ma forse qualcosa di più si poteva azzardare.

Ecco questa è l’unica delusione che ho avuto sino ad ora da Gotham.

5 pensieri su “#Gotham – The Mask (S01E08)

  1. -__-‘ ma seriamente? Il caso della settimana (perché ormai siamo ridotti a questa pochezza di trama) si risolve come al solito per un colpo di culo di Jim.. .. sto giro abbiamo introdotto il giovane Hush .. -____-‘ la domand a è sempre quella, perché inserire TUTTI i villan del Batverse se il risultato è avere personaggi clichè, abbozzati e inconsistenti come Selina e Poison Ivy e il Riddler e Dollmaker? Perché devono ogni volta sottolineare le peculiarità del personaggio? Poi visivamente resta un buon prodotto, ma come al solito scritto male e in modo approssimativo. PURTROPPO!

    Mi piace

  2. Pingback: Villains United: Black Mask & Spaventapasseri | TV And Comics

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...